Ricognizione il 21 novembre delle Reliquie di san Cataldo e posa nuovo reliquiario

Condividi

Ore 17.00 Basilica Cattedrale di San Cataldo

S.E. Rev.ma Monsignor Filippo Santoro, Arcivescovo Metropolita di Taranto, presiede la ricognizione canonica delle insigni reliquie di San Cataldo nel nuovo reliquiario.

Nel contesto del giubileo dei 950 anni del ritrovamento del corpo di San Cataldo e della ricostruzione della Basilica Cattedrale, l’arcivescovo di Taranto, in occasione del suo XXV anniversario di ordinazione episcopale, a ricordo dell’annuncio della sua nomina come Pastore della nostra chiesa del 21 novembre 2011, fa dono alla Basilica di un nuovo reliquiario in argento che ospiterà le reliquie di San Cataldo, patrono della città e dell’arcidiocesi di Taranto. Si tratta di una pregiata teca in argento, opera dei maestri orafi Francesco Franchina e Isabella Dirella: un’imbarcazione accompagnata dai delfini, che solca i Due mari, richiamo immediato alla vicenda del santo che venne come apostolo evangelizzatore approdando in questa città dalle coste ioniche. I resti di san Cataldo saranno prelevati dalla vecchia teca e dagli altri antichi reliquiari e saranno riposti nella nuova urna, progettata per l’esposizione permanente alle spalle dell’altare del cappellone nel quale paliotto vi è racchiuso sarcofago del santo, concepita anche per un maneggevole trasporto e per essere portata in processioni durante le peregrinazioni. I reliquiari che fino ad adesso hanno custodito le reliquie saranno nuovamente esposti nel museo diocesano.

La ricognizione canonica delle reliquie è un atto storico e solenne al quale prenderanno parte il Capitolo Metropolitano, le massime Autorità cittadine le delegazioni delle Terre Cataldiane. Terre Cataldiane è la rete delle parrocchie, dei santuari, delle chiese, delle confraternite, delle città, dei paesi e delle frazioni unite dal patrocinio del nostro Santo. Come un seme fecondo, Cataldo, vescovo irlandese, piantato nel suolo tarantino, ha illuminato con la sua testimonianza e i prodigi avvenuti per la sua intercessione tantissimi luoghi dell’Italia e del Mondo. Il progetto Terre Cataldiane vuole raccordare tutti i luoghi interessati alla devozione a San Cataldo in una rete di fraternità che oltre a tenere i contatti organizza alcune iniziative come il raduno avvenuto a Taranto nel settembre del 2018)


Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento