Sud in Movimento e RiGenerazione: Questione Leonardo, situazione preoccupante

Condividi

Diventa sempre più preoccupante, nonché insostenibile, la situazione riguardante lo Stabilimento aeronautico di Grottaglie.

Operai in sciopero a Grottaglie

Nella mattinata di venerdì i lavoratori hanno indetto uno sciopero, in seguito all’ufficializzazione, in maniera del tutto unilaterale, della cassa integrazione.

Il dato più inquietante, è la mancanza di un piano industriale a lungo termine, che non lascia intravedere alcuna speranza. Se pensiamo che la cassa integrazione può avere un tempo determinato, la mancanza di un piano industriale, di una progettualità, non lascia intravedere alcuna speranza, ed è sintomatico della mancanza di Vision e politiche aziendali ben strutturate.

L’impatto che questa decisione avrà sugli stabilimenti di aerostrutture, e in particolare su quello di Grottaglie, desta dunque non poche preoccupazioni per le ricadute economiche, occupazionali e sociali che questa misura avrà sulle famiglie dei lavoratori e delle lavoratrici e, non di meno sull’intero territorio grottagliese e jonico.

Leonardo deve comportarsi da “One Company” come ama definirsi, deve assumere decisioni a livello di gruppo, definendo strategie aziendali che mirino alla salvaguardia dei diritti dei lavoratori, ma soprattutto senza penalizzare ancora una volta la nostra zona, il sud.

L’istituto delle ferie solidali potrebbe essere un buon viatico alla cassa integrazione, ma deve essere una misura temporanea. Grottaglie ha bisogno di progetti immediati che possano traguardare al futuro e, perciò, auspichiamo che l’azienda possa avere la lungimiranza negli investimenti riguardo lo stabilimento grottagliese.

Noi, come abbiamo sempre fatto, siamo al fianco dei lavoratori e delle lavoratrici dell’azienda che sono una delle colonne portanti di questo territorio.

A tal proposito, nella seduta di ieri, il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità un ordine del giorno politico a sostegno del Sindaco, affinché possa supportare le istanze dei lavoratori e delle lavoratrici nelle sedi opportune e di competenza.


Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento