“A lla fòc’ra nni vitìmu! ” Da Piazza Regina Margherita nell’800 a …? da un post del 2016 pubblicato su “Grottagliesità” blog di Cosimo Luccarelli storico di Grottaglie

Condividi

Con la demolizione dei due oratori in piazza Regina Margherita nell’800, la fòc’ra (pira o falò) divenne uno dei momenti più salienti dell’intera festa di S. Ciro che insieme alle traslazioni, novena, processione e fuochi pirotecnici hanno alimentato nel corso dei secoli la grande devozione per il santo che guarisce i corpi ma principalmente le anime.

Una pira itinerante da oltre cento anni che per motivi di spazio e sicurezza ha seguìto l’evoluzione urbanistica della città. Così da Piazza Regina Margherita fu spostata a fuori porta (oggi Monumento ai Caduti), poi alle spalle del Consorzio Agrario (Via Marseglia), poi nella zona S. Elia.

Dalla zona S. Elia passò a Piazza Verdi, poi su Viale De Gasperi. Ritornò nella zona est su Viale Gaspare Pignatelli sopra l’ospedale. La costruzione di Piazza S. Ciro con il busto del Santo negli anni ’80 fece nascere una seconda pira che per diversi anni venne mantenuta tra dissapori e polemiche. Alla fine ne restò solo una, quella di piazza S. Ciro, che nel corso del 2000 si spostò di qualche metro nell’area ancora non urbanizzata. Ma nel 2011, iniziata l’urbanizzazione di quell’area, la pira doveva essere costruita in altra zona più idonea.

La zona 167 di Viale Gramsci la ospitò dal 2012 al 2015, vicino ad un altro monumento ceramico in nicchia, dedicato al santo alessandrino, dell’artista Dino Petraroli. Nel 2016 la pira viene ulteriormente spostata nella zona 167 bis vicino alla superstrada Taranto-Brindisi, collocazione che al popolo viene data definitiva.

Oggi si apprende della mancanza di luogo idoneo per la pira del 2017. Ritornare al passato con un piccolo falò in Piazza Regina Margherita vuol dire cancellare l’impegno di tanti grottagliesi che si sono prodigati negli anni a creare un evento prestigioso, mantenendo viva questa tradizione. È bene ricordare che tante generazioni hanno vissuto puntualmente questa emozione di fede che di anno in anno i presenti hanno trasmesso a tanti grottagliesi sparsi nel mondo con le tecnologie comunicative del tempo.

La fòc’ra è una sana tradizione che non può essere ridimensionata al semplice falò.

Nell’800 in Piazza Regina Margherita la stessa aveva una grandezza significativa, senza obblighi di sicurezza, motivo per cui diventò itinerante per spazi più consoni e più sicuri per la gente.

Non torniamo all’800 ma proiettiamoci al futuro con lo stesso sentimento e la stessa emozione di fede della poesia di Padre Michele Ignazio D’Amuri, gesuita e poeta grottagliese.

La fòc’ra di Padre Ignazio D’Amuri

«A rricuérdu t’lu martiriu ca patìu santu Ggiru quann’arrìa la festa granne,

lu devotu vurtagghhjése,

cu traìni e trainédde,

porta lioni pi lla fòc’ra.,

trunchi t’avr’ri scappati, stroòme, muzzi t’aschiddèe, mazzi ti sopraccavaddi;

ognitunu porta ncuéddu gruéssi sciarcini ti spròia, saramiénti e nache a stòzzi.

Tuttu po’, comu si zzimpa nnu pagghiaru, si situèscia, cu lli fronni fòri fòri;

ccussì s’oza mmién’la chiazza la catasta ti la fòc’ra, ca po’ vestunu ti stròme.

S’oza iérta, s’òza nciélu, totta verde e ttotta argiéntu pi lli fronni ti l’alìi.

A lla sera t’la fiscilia, sobbra mettunu curcata la figura ti lu santu.

Si rricòrda ccussì, quanna misu fòe ncima a lla fòc’ra pi ll’amore t’lu Signore.

Mò la ppìcciunu: la fòc’ra pigghia fuécu a picca a picca; fumicannu, pigghia fuécu;

e lu populu devotu luccla: “Viva santu Ggiru! Viva santu ggiru nuésciu!”

Scattarèsciunu li fronne ti l’alìii, e, cu llu fumu, li faciddi vonu nciélu.

L’uécchj splénnunu, e la faccia unu sente còta còta, pi ll’ondate ti li vampe.

Oh, ce luce! Ce calore! Veramente éte fuécu bellu, robustoso e forte.

Quanna po’ la fòc’ra cade, vene gente, ca priannu, porta a casa nnu craòne,

e, dicennu gloria patri, lu craòne biniditto mette mmienz’a lla fracéra».

A presto, Cosimo Luccarelli.


Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento