Articolo Uno Lizzano: Consiglio sul Bilancio del Comune di Lizzano, procedure “fai da te”. Diffida al Presidente del Consiglio e al Sindaco

Condividi

Con Avviso di convocazione prot. n.1934 del 17 febbraio scorso è stato convocato il Consiglio del Comune di lizzano con all’Ordine del giorno anche l’approvazione del bilancio 2022.
Ancora una volta non si sono convocate le Commissioni consiliari preposte e nemmeno la Conferenza dei capigruppo consiliari, che pure lo Statuto Comunale reputa obbligatoria quanto meno per concordare date e argomenti di Consiglio comunale (Art.32, comma 3, lett. a), b) e c) del vigente Statuto Comunale).
Di tutto quanto è stato informato il Prefetto di Taranto, con una nota inviata da parte del consigliere comunale di minoranza Gianluca Lecce, capogruppo di Articolo UNO, che già in precedenza aveva diffidato il Sindaco, Antonietta D’Oria, ed il Presidente del Consiglio Comunale, Viviana Caiazzo, dal procedere a convocazioni consiliari senza le preventive e obbligatorie conferenze dei capigruppo.
“Si tratta, afferma il consigliere Gianluca Lecce, dell’ennesima violazione di regolamenti e Statuto, e se per il passato (dato anche il periodo pandemico attraversato) si era sorvolato, e si era data una mano collaborativa al Presidente del Consiglio Comunale (anche nelle difficoltà dei lavori in streaming), adesso non è più possibile sorvolare su questa carenza di rispetto delle regole democratiche. Le minoranze consiliari non si sentono affatto tutelate e garantite dal modus operandi della Presidente del Consiglio, nei confronti della quale, pur comprendendo anche la poca presenza dovuta agli impegni lavorativi che la tengono lontana dal nostro paese, si chiede l’immediata revoca della convocazione dell’assise consiliare e una ricanlendarizzazione delle date di Conferenze capigruppo e Consigli comunali”.
Le conferenze dei capigruppo sono le sedi naturali per approfondire argomenti e presentare anche emendamenti, ottimizzando anche i tempi del Consiglio Comunale.
A Lizzano nulla di tutto questo! Non si discute mai!
Per questo motivo è stato già direttamente chiesto l’intervento del Prefetto di Taranto per il ripristino delle regole scritte in regolamenti e Statuto. Ci aspettiamo adesso una convocazione per un confronto all’interno dell’Amministrazione comunale di Lizzano, affinché possano essere accolte le richieste del consigliere Lecce.
Articolo Uno Lizzano

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento