Acciaierie d’Italia. Usb: “Cigs o ripartenza?”

Condividi

Da una parte Acciaierie d’Italia comunica la richiesta di cassa integrazione straordinaria per 3.500 unità lavorative, dall’altra i Confederali  comunicano in fabbrica, con un atteggiamento  che sembrerebbe occultare la verità, la ripartenza di impianti con conseguente rientro di lavoratori.
Delle due l’una: o si riducono i lavoratori in attività, oppure si riavvia il meccanismo e quindi si ripopola lo stabilimento. Dov’è la verità?
Alla luce delle dichiarazioni dei sindacati confederali, ci domandiamo poi: come si pensa di ripartire, se nessun intervento manutentivo è stato fatto, e non è neanche in programma? Gli impianti sono vetusti, la sicurezza sul lavoro è lasciata al caso e intanto non migliora più di tanto la situazione ambientale e sanitaria.
Cosa si dirà quando ci sarà da raccontare ancora un grave incidente in fabbrica?
A noi non basta che si riparta; si deve ricominciare ma nel rispetto delle misure di sicurezza.
Chiediamo dunque che si apra un tavolo di discussione attorno ai moltissimi temi, e che si lavori nella direzione di un accordo di programma, tenendo dentro i vari punti che proprio l’Usb ha suggerito come fondamentali. Solo così si potrà davvero parlare di cambiamento e di prospettive.
Va detto inoltre che da un  momento, come quello attuale, caratterizzato da una grandissima crisi di liquidità, potrebbero derivare conseguenze incontrollabili.

Coordinamento provinciale Usb
Coordinamento esecutivo Usb Taranto

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento