Di Gregorio (PD), preoccupato per il futuro del porto di Taranto

Condividi

Non possiamo concedere ad alcuno di frenare lo sviluppo del porto di Taranto che resta uno dei più importanti asset per la ripresa e la diversificazione economica dell’area ionica e della Puglia. Bene ha fatto il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale dello Ionio Sergio Prete, a scrivere al concessionario del terminal container chiedendo il rispetto degli accordi in termini di volumi di traffico e personale occupato”.
Lo afferma il consigliere regionale Vincenzo Di Gregorio (Pd), preoccupato per la situazione venutasi a creare nello scalo marittimo ionico. “L’affidamento della concessione del molo polisettoriale ad una controllata del Gruppo turco Yilport – spiega Di Gregorio – è avvenuto in virtù di una intesa che ha coinvolto anche le parti sociali e che prevede precisi impegni a carico del concessionario. La pandemia ha sicuramente rallentato i piani, ma negli altri porti l’attività non si è mai fermata. A Taranto, invece, il traffico container stenta a ripartire e, finora, non sono state attivate nuove linee di collegamento. Le banchine sono vuote e l’occupazione non decolla. Dei circa 500 ex lavoratori Tct, solo 120 sono rientrati in attività, 20 dei quali a tempo determinato”.
Secondo il consigliere regionale “il territorio ionico e la Regione Puglia devono sostenere le iniziative volte a difendere il porto di Taranto facendo fronte comune insieme all’Autorità portuale e ai sindacati. L’auspicio è che le preoccupazioni emerse in questi giorni vengano prontamente chiarite dalla società concessionaria. Se così non fosse, l’Autorità portuale ha gli strumenti per rinegoziare i termini della concessione e per valutare eventuali richieste da parte di altri operatori”.

Di Gregorio – Consigliere Regione Puglia (Pd)

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento