Firmato accordo di collaborazione tra Marina Militare Italiana e UNIBA

Condividi

La sala consiglio di nave Cavour è stata scelta quale autorevole luogo per la firma di rinnovo dell’accordo di collaborazione tra la Marina Militare e l’università degli studi di Bari “Aldo Moro”.

A siglare l’intesa il Capo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio di Squadra Enrico Credendino, ed il Magnifico Rettore, professor Stefano Bronzini.

Capo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio di Squadra Enrico Credendino, il Magnifico Rettore, professor Stefano Bronzini

Durante la cerimonia di firma dell’accordo, avvenuta a valle di un rilevante evento organizzato da Limes dal titolo “Puglia porta d’Oriente: l’Italia fra Adriatico, Ionio e Balcani” nell’ambito del festival “Mare d’inchiostro”, l’ammiraglio Credendino ha voluto sottolineare quanto “il rapporto fra noi e l’università di bari sia fondamentale anche in prospettiva futura. Aumenterà, per la Marina Militare, il coinvolgimento e l’impegno con l’Università, non solo nell’ambito della formazione, dello studio ma anche nelle nuove tecnologie e nelle discipline inerenti a tutto tondo la marittimità”.

“La sottoscrizione dell’accordo consolida un intreccio virtuoso con la Marina Militare, ampliando il ventaglio delle attività di collaborazione su temi fondamentali per lo sviluppo e la crescita della città di Taranto. Questo accordo – ha aggiunto poi il Rettore Stefano Bronzini -viene in un momento particolarmente delicato in cui le forze armate e in particolare la Marina, lavorano, come la conoscenza e la cultura da cui la mia Istituzione è ispirata, principalmente per la costruzione della pace.”

L’Accordo Quadro rinnova, per la terza volta, il rapporto di collaborazione tra la Forza Armata e l’Ateneo nel solco di una proficua e consolidata esperienza pluriennale di cooperazione in diverse aree di comune interesse e partenariati strategici nei campi della ricerca, innovazione e sperimentazione della formazione, dell’istruzione, della sanità, dell’informatica del diritto e della cultura del mare, della marittimità e della sicurezza marittima, nonché della tutela dell’ambiente marino.

La collaborazione prevede inoltre, nel solco dell’ormai consolidato relazione instaurata a favore della formazione degli allievi delle Scuole Sottufficiali di Taranto, la possibilità di organizzare workshop, seminari, lezioni a favore di studenti, dirigenti, funzionari e operatori e lectio magistralis di alti rappresentanti delle Parti e, inoltre, condurre attività di ricerca e sviluppo in aree inerenti la cultura del mare e della marittimità, le tecnologie dell’informazione e la comunicazione, l’e-learning, al fine di promuovere un approccio sinergico e di qualità al settore della ricerca, con focus specifico alle nuove tecnologie ed alla dimensione subacquea, che tocca anche significativi Piani Nazionali di Ricerca Militare (PNRM) di strategica valenza per la Forza Armata.


Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento