Taranto la città con più verde urbano di Puglia

Condividi

Paolo Castronovi: “Il dossier di Legambiente Puglia premia gli sforzi dell’Amministrazione Melucci”

Taranto, con oltre 20.000 alberi censiti e 15 metri quadrati di natura a disposizione di ogni cittadino, è in testa alla classifica di “Città Più Verdi Puglia 2022”, il primo monitoraggio sulla gestione della vegetazione pubblica presente nei Comuni pugliesi.
È un innovativo dossier realizzato per la prima volta da Legambiente Puglia con lo scopo di controllare quantitativamente la presenza del verde urbano e cercare di stimolare le Amministrazioni comunali alla buona gestione di questo bene comune.
Un risultato straordinario che premia l’impegno dell’Amministrazione Melucci, di cui sono stato Assessore all’Ambiente, incarico ricoperto prima di me dall’Assessore Francesca Viggiano, per aumentare e gestire al meglio il verde urbano a Taranto.
Innanzitutto con il Progetto “Green belt”, la innovativa cintura verde per abbracciare la città con la piantumazione di ben un milione di nuovi alberi, una sfida epocale per la riqualificazione dei grandi parchi urbani, la valorizzazione degli ecosistemi naturali e la bonifica dei territori inquinati.
Ma penso anche ai tanti interventi realizzati o promossi dalla Giunta guidata dal Sindaco Rinaldo Melucci, come la piantumazione di oltre seimila nuove alberi al Quartiere Paolo VI, o la messa a dimora di mille piante al Parco delle mura greche.
Uno sforzo corale con tante iniziative che, oltre alla piantumazione dei nuovi alberi, ha visto iniziative per sensibilizzare i tarantini alle “buone pratiche” per il rispetto e la conservazione del verde urbano.
Anche questo è un aspetto importante: il dossier “Città Più Verdi Puglia 2022” di Legambiente, infatti, ha dato spazio e voce anche ai cittadini pugliesi attraverso un questionario a loro dedicato in cui hanno potuto esprimere un loro giudizio e segnalare eventuali buone o cattive pratiche, così da poter sondare la loro percezione in un settore così importante e delicato per il Comune in cui abitano.

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento