Annapaola Albanese e “Le mie tarantelle” #antelitteram al Crac

Condividi

Annalisa Adamo #Ante Litteram al CRAC Puglia dialoga con  ANNAPAOLA ALBANESE E “LE MIE TARANTELLE”

 Presentazione del volume di Annapaola Petrone Albanese                          

Continua la programmazione de “I pomeriggi culturali”, incontri d’esperienza tra diritti, culture, ecologia, letteratura e arte contemporanea, promossi e organizzati dalla Associazione “#Ante Litteram” presso il CRAC Puglia (ex Convento dei Padri Olivetani, sec. XIII, Corso Vittorio Emanuele II n. 17, Taranto) in collaborazione con la Fondazione Rocco Spani Onlus e il Comitato per la Qualità della Vita di Taranto.

Prossimo appuntamento  giovedì 31 marzo p.v. alle ore 18.00, sul tema “Le mie Tarantelle”, Dopo la presentazione di Giulio de Mitri, presidente del CRAC, Centro di Ricerca Arte Contemporanea Puglia, nella prima parte dell’incontro, l’avvocato Annalisa Adamo, presidente di #Ante Litteram, dialogherà con Annapaola Petrone Albanese, già docente e presidente dell’Associazione “Amici dei Musei” e autrice de “Le mie tarantelle”,  un volume di poesie pubblicato nel 1993. L’attrice Valery Vinzi leggerà alcune poesie tratte dalla  preziosa raccolta.

“L’incontro con Annapaola Albanese  è un incontro Ante Litteram che abbiamo voluto fortemente. – così anticipa  Annalisa ADAMO –  si tratta di versi ‘con’ Taranto, con i quali Annapaola ha voluto parlare a questa sua città, con ‘la volontà esasperata di vederla rinascere’ per rappresentare ancora una Città con la C maiuscola”.

Seguirà un focus sulla ricerca artistica di Emanuele De Giorgio, pittore e incisore, (Grottaglie 1916, Taranto 1983) con l’intervento di Silvano Trevisani.  Emanuele De Giorgio è considerato uno dei maggiori artisti pugliesi del ’900. E’ stato tra i fondatori della “Biennale internazionale della Grafica” di cui furono presidenti Carlo Carrà e Marc Chagall a Taranto tra gli anni ’50 e ’70.

Concluderà i lavori l’intervento del prof. Carmine Carlucci presidente  del Comitato per la Qualità della Vita di Taranto.


Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento