AssociazionismoCronacaPRIMO PIANO

Una giornata dei bambini dell’ENS Taranto con la JDC

Condividi

Nei giorni scorsi i “piccoli” della Sezione Provinciale di Taranto del ENS (Ente Nazionale per la protezione e l’assistenza dei Sordi) Onlus hanno vissuto la straordinaria esperienza di diventare “ricercatori per u giorno” a bordo di un catamarano della Jonian Dolphin Conservation.

Scopo dell’iniziativa, che ha coinvolto bambini e bambine di età compresa tra gli otto e i tredici anni, è stato quello, oltreché di favorire l’inclusione tra sordi e udenti, di avvicinare i più piccoli all’inestimabile patrimonio marino ospitato nei mari della città di Taranto.

L’attività “Ricercatore per un giorno” è stata realizzata nell’ambito del progetto “Come Ti Senti?” che, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, è una campagna inclusiva di prevenzione e supporto alla salute per le persone sorde.

La giornata dei piccoli e dei loro accompagnatori è iniziata con una visita guidata al Centro Euromediterraneo del Mare e dei Cetacei Ketos, la sede della JDC nel Palazzo Amati nel centro storico, un polo scientifico/museale di citizen science, con circa 600 metri quadrati interamente dedicati al mare e ai cetacei, con un laboratorio di ecologia, un laboratorio con otto postazioni di realtà virtuale e un’aula didattica.

La giornata è poi proseguita a bordo di un catamarano da ricerca della JDC, con una uscita in mare finalizzata a favorire la conoscenza diretta dell’ambienta naturale, l’acquisizione di nozioni relative all’evoluzione e alla biologia dei cetacei, la stimolazione della capacità di cooperazione attraverso la formazione di gruppi di lavoro e l’incoraggiamento all’assunzione di comportamenti responsabili nei confronti dell’ecosistema, sempre nell’ottica di una reale inclusione all’interno di un ambiente “emotivamente accogliente”.

Al termine della giornata i piccoli e i lori accompagnatori hanno potuto, con grande soddisfazione, godersi un pranzo “vista mare”.

 


Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento