Maruggio, weekend di volontariato e inclusione sociale

Condividi

L’iniziativa rientra nel progetto “Buona Vita Organizzata” sostenuto da Fondazione Con il Sud. Sarà presente anche il Sottosegretario alla Giustizia Anna Macina

 Due giornate all’insegna del volontariato, dell’ambiente, sport e inclusione sociale. Sono questi i temi che saranno trattati durante la manifestazione denominata “Insieme per una Buona Vita Organizzata”, un progetto sostenuto da Fondazione Con il Sud e realizzato dalla Confraternita Misericordia di Maruggio con il patrocinio dell’Amministrazione comunale e la collaborazione di numerose associazioni del territorio.

Alfredo Longo Sindaco di Maruggio

Nella prima giornata in calendario, ossia venerdì 6 maggio dalle ore 9.00 alle ore 13.00 presso il Cineteatro Impero, si parlerà di terzo settore, ambiente e inclusione sociale con la presenza di autorevoli ospiti. Saranno presenti per i saluti istituzionali il Sindaco di Maruggio, Alfredo Longo, la responsabile delle attività istituzionali di Fondazione Con il Sud, Anna Marino e il sottosegretario di Stato alla Giustizia, on. Anna Macina. Previsti gli interventi di Giacomo Talignani, giornalista di Repubblica e collaboratore della trasmissione “Geo” di Rai Tre; don Francesco Mitidieri, cappellano del Carcere di Taranto e Presidente dell’Associazione Noi e Voi e Gianpaolo Pisconti, responsabile del progetto Buona Vita Organizzata.

Nella seconda giornata, invece, in programma per sabato 7 maggio dalle ore 9.30 alle ore 14.00 presso lo stadio comunale “Aldo Demitri”, sarà trattato il tema dello sport inclusivo. Infatti, sono previste attività sportive per disabili intellettivi, minori in difficoltà e richiedenti asilo a cura dell’Associazione sportiva Maruggio Social Sport, attività di sensibilizzazione e promozione del volontariato con iniziative di prevenzione, primo soccorso e protezione civile a cura della Misericordia di Maruggio. Al termine è prevista una partita di calcio a 5 tra due squadre di giocatori non vedenti e ipovedenti.

L’obiettivo del progetto “Buona Vita Organizzata” è quello di costruire una comunità sempre più inclusiva e partecipativa al fine di prevenire fenomeni di devianza che potrebbero nascere da contesti di isolamento giovanile. Sul territorio, infatti, sono in corso numerose attività trasversali di prevenzione e promozione di corretti stili di vita attraverso la collaborazione tra Istituzioni, associazioni, scuola e imprese culturali.

 

 

 

 


Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento