Sentenza CEDU, Di Gregorio (Pd): difendere e tutelare la salute dei tarantini

Condividi

“La dignità e la salute dei tarantini vanno tutelate con provvedimenti urgenti, concreti ed efficaci”. Lo dichiara il consigliere regionale Vincenzo Di Gregorio (Pd) dopo l’ennesimo pronunciamento della Corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu) nei confronti dello Stato italiano per non aver difeso i cittadini di Taranto dalle emissioni inquinanti.

“Questa vicenda – continua – è emblematica di quanto sia ancora lontano, purtroppo, l’obiettivo della riconversione in chiave ecosostenibile. Il capoluogo ionico e il suo hinterland pagano le conseguenze sanitarie ed ambientali dell’inquinamento degli anni passati e soffrono i mali di un sistema produttivo ed industriale che mostra i segni del tempo”.

“Un modello – sottolinea Di Gregorio – che ha fatto e fa massiccio ricorso agli ammortizzatori sociali e che ha accumulato pesanti debiti nei confronti delle aziende dell’indotto. Una situazione complicata e preoccupante che ha spinto i sindacati a proclamare uno sciopero di 24 ore dei lavoratori di Acciaierie d’Italia e delle imprese dell’appalto. Un modello con pesanti criticità ambientali, economiche e produttive che va superato con politiche lungimiranti per fare di Taranto la capitale dell’industria green, delle energie rinnovabili, dell’economia circolare, della cultura e dei grandi eventi. Non è utopia, è una scelta di coraggio e di volontà. Per molti aspetti è un percorso già avviato e che mi auguro sia ripreso al più presto”.

Di Gregorio (Pd)

 


Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento