Vertenza AXIST Grottaglie: indotto da preservare, inviata nota all’assessore Leo e al Presidente Caroli

Condividi

Con una pec urgente indirizzata all’assessore regionale al lavoro, Sebastiano Leo, ed al Presidente Sepac, Leo Caroli, questa mattina ho rappresentato le preoccupazioni del territorio per la vertenza Axist di Grottaglie. Ulteriori licenziamenti, infatti, sono stati paventati dall’azienda dell’indotto Leonardo SpA a carico di ben 35 lavoratori.

Sarebbe un altro terribile macigno per l’intera provincia che a fatica tenta di perseguire quello sviluppo alternativo che tutti auspichiamo per Taranto.

Ho chiesto loro di profondere massimo sforzo per evitare che questi lavoratori, molti della nostra provincia, possano restare a casa, con gravi conseguenze per le loro famiglie, spesso monoreddito, ma anche per non incorrere nell’inevitabile impoverimento del tessuto produttivo tarantino che sta diventando altamente qualificato a beneficio dell’economia locale ma anche di tutta la nostra regione.

Personalmente, anche in veste di referente per l’attuazione del Piano Taranto, col Presidente Emiliano, lavoro per lo sviluppo ecosostenibile della nostra provincia e a tal riguardo Grottaglie rappresenta un’eccellenza. Tutti gli sforzi messi in campo dalla Regione Puglia per il settore aerospaziale, per lo spazioporto, per tutto ciò che ruota intorno al Distretto aerospaziale sono da preservare, per il futuro della terra jonica e della Puglia.

Ho rivolto dunque, all’assessore Leo e al presidente Caroli, un accorato appello per un celere intervento risolutivo, affinché possa essere scongiurata questa crisi occupazionale e produttiva, a tutela dei lavoratori, delle loro famiglie, delle imprese coinvolte, e per preservare l’importante sviluppo positivo che sta cercando di affermarsi qui a Taranto.

Mino Borraccino
Consigliere del Presidente della Regione Puglia
per l’attuazione del Piano Taranto


Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento