Accade in PugliaCronacaCulturaEditorialibriPRIMO PIANOScuola&IstruzioneTaranto & Provincia

“Libri in… festa”: l’estate degli studenti della scuola Leonida

Condividi

Mercoledì 1 giugno ore 9, al plesso di via Lazio, incontro con l’autore di “Fringuella”, Michele Tursi e consigli di testi da mettere in valigia e portare in spiaggia

La Preside Loredana Bucci: “Auguriamo ai nostri ragazzi di trascorrere vacanze serene, tra amici e tante letture travolgenti”

“Libri in… festa”. L’Istituto comprensivo Moro-Leonida di Taranto conclude l’anno scolastico sfogliando pagine.

Anche se le attività didattiche termineranno il prossimo 9 giugno, nell’aria c’è già voglia di estate e tutti gli alunni della scuola media sono pronti a vivere le loro vacanze all’insegna del buonumore. Con questo augurio la dirigente scolastica, Loredana Bucci, e tutti i docenti, saluteranno i ragazzi prima dell’estate mercoledì 1 giugno alle ore 9 nel cortile esterno del plesso via Lazio, l’innovativo otudoor della scuola che da dieci anni sperimenta il modello senza zaino.

L’augurio è innanzitutto quello di trascorrere un’estate in compagnia degli amici, spegnendo il cellulare e aprendo un bel libro di narrativa per immergersi in una lettura travolgente e piacevole.

E’ per questo che la festa di fine anno alla scuola Leonida sarà all’insegna della lettura.

La mattinata si aprirà con la presentazione del libro del giornalista e scrittore tarantino Michele Tursi, intitolato “Fringuella”. Tursi racconta le avventure di una ragazzina di scuola media residente in Città Vecchia, durante la seconda guerra mondiale. “Fringuella” sarà uno dei tanti titoli messi a disposizione degli studenti della Leonida dalla dirigente scolastica. Altri volumi sono stati proposti, e donati all’istituto, dal titolare della libreria Mondadori di via de Cesare, Carmine Fucci. I ragazzi potranno scegliere la loro lettura dell’estate anche tra i tanti testi già a disposizione della biblioteca scolastica, che quest’anno si sono arricchiti di nuovi volumi suggeriti dagli alunni della 1° A, coordinati dalla docente Mariangela Caffio. Per l’occasione, mercoledì avverrà il passaggio di consegne tra gli studenti della 3° A, che l’anno prossimo frequenteranno la scuola secondaria di secondo grado, e quelli di 1° A, i quali diventeranno i nuovi custodi della biblioteca di corso. Tra le teche compariranno presto anche altri nuovi libri, donati da scuola e famiglie.

I più avvincenti saranno esposti nello “scrigno magico”, la cupola realizzata dall’architetto Mita Lorusso – che per l’occasione è stata invitata come madrina dell’evento, nel cortile della Leonida sulla base di un progetto nato dagli stessi ragazzi, con il coordinamento tecnico dei professori di Tecnologia, Paola Carbonara e Marco Malagnino.

“Per la nostra festa dei libri, che abbiamo spostato dal 23 aprile (giornata mondiale della lettura) al primo giugno per farla coincidere con la fine dell’anno scolastico – spiega la preside Bucci – abbiamo ribattezzato la nostra cupola “scrigno magico”, perché custodirà un tesoro, i libri appunto. Ed i libri sono magici perché ci permettono di sognare, di immergerci in un mondo fantastico, in una realtà che ci trasporta lontano da problemi, preoccupazioni e affanni o che, semplicemente, ci libera dalla noia”.

L’obiettivo, insomma, è quello di invitare gli studenti a leggere di più. In un mondo altamente tecnologico, sapersi esprimere bene resta fondamentale.

“Incentiviamo alla lettura nei metodi più originali e divertenti – sottolinea Marivita Lombardi, referente del Dipartimento di Italiano della scuola Leonida – attraverso incontri con l’autore, biblioteche di classe e sfide tra classi, vere e proprie challenge tra squadre di studenti che si sfidano a colpi di lettura espressiva rispondendo a quesiti su trama e autore dei diversi libri”.

Nel corso della mattinata la referente di Educazione civica della Leonida, la professoressa Valeria Glionna, si soffermerà sulla valenza sociale della lettura.


Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento