Taranto & ProvinciaAccade in PugliaCronacaCulturaPRIMO PIANO

“Storia di navi e navigazione, tra antico e moderno” convegno di studi della Marina Militare in Arsenale

Condividi

Taranto – Domenica 5 giugno, alle ore 09:30, presso la storica Sala a Tracciare dell’Arsenale di Taranto, si svolgerà una giornata di studi su “Storia di navi e navigazione, tra antico e moderno” con il patrocinio della Marina Militare, dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, del Dipartimento Jonico, della Regione Puglia e del Comune di Taranto.

La manifestazione, la cui partecipazione è libera, gratuita ed aperta a tutta la Cittadinanza, è  organizzata dalla Direzione dell’Arsenale, in accordo con il Comando Marittimo Sud ed in collaborazione con l’Associazione Italiana di Cultura Classica di Bari.

Relazioneranno sul tema l’architetto Antonio Monte, Ricercatore del CNR-ISPC della sede di Lecce, “Officine e Macchine: il Patrimonio dell’Arsenale di Taranto”; la prof.ssa Maria Casola, Docente di Storia del Diritto Romano presso il Dipartimento Jonico in Sistemi Giuridici ed Economici del Mediterraneo: società, ambiente, culture dell’Università degli Studi di Bari Aldo MoroLa navigazione ai tempi dei Romani”; l’ammiraglio Cristiano BettiniOltre il fiume Oceano. La Marina romana in Britannia”; la prof.ssa Pasqualina Vozza, Docente di Lingua e letteratura latina dell’Università degli Studi di Bari Aldo MoroLa nave come simbolo”.

Nell’arco della giornata fino alle ore 18.30 sono previste visite guidate della Mostra Storica dell’Arsenale (Mo.S.A).

Approfondimenti

L’Arsenale Militare Marittimo di Taranto, luogo del cuore del FAI per la ricchezza del suo patrimonio storico, bibliotecario, architettonico, paesaggistico-ambientale e archeologico-industriale, si propone come ideale contenitore culturale per manifestazioni destinate non solo a specialisti di singoli settori d’interesse, ma a tutta la cittadinanza, in quanto preziosa risorsa per la conoscenza e la fruizione dei beni culturali del territorio.

 


Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento