MAP Festival – Lunedì 13 giugno Lectio magistralis di Franco Purini al MArTA

Condividi

“Innovazioni in campo urbanistico”. L’archistar internazionale, ospite della rassegna di Musica, Architettura e Parallelismi, si confronterà con l’arte millenaria esposta nel Museo Archeologico nazionale. Idee originali e soluzioni innovative dal progettista della Torre Eurosky, il più alto edificio civile di Roma. Gli altri appuntamenti del progetto ideato e voluto dall’Istituzione Concertistico Orchestrale Magna Grecia. La preziosa collaborazione con Arcidiocesi di Taranto, Comune di Taranto Ordine degli Architetti di Taranto, il MArTA, la Regione Puglia e il Ministero della Cultura

TARANTO – Con “Il sacro di Purini”, lectio magistralis a cura di Franco Purini, architetto di fama internazionale, in programma lunedì 13 giugno alle 18.00 nel Museo Archeologico nazionale di Taranto, riprendono gli appuntamenti con il MAP Festival, seconda edizione della rassegna di Musica, Architettura e Parallelismi.

Purini, nel corso della sua lectio, avrà modo di esporre idee originali e soluzioni innovative in campo urbanistico. Progettista della Torre Eurosky, il più alto edificio civile di Roma e una delle torri residenziali più alte d’Italia, si confronterà con l’arte millenaria esposta al MArTA.

Franco Purini

Il MAP Festival, in programma dal 7 al 18 giugno, è un progetto ideato e voluto dall’Istituzione Concertistico Orchestrale Magna Grecia, con la direzione artistica del Maestro Piero Romano, e in collaborazione con Arcidiocesi di Taranto, Comune di Taranto, Ordine degli Architetti di Taranto, MArTA, Regione Puglia, Ministero della Cultura. Protagonista indiscussa della rassegna, una rivoluzione artistica coniugata con i concetti di comunità, città da abitare e scenografie urbane.

Non solo analisi dei rapporti e della sinuosa crossmedialità che intercorrono tra le due arti, musica e architettura appunto, ma anche il loro apporto in tutte le possibili declinazioni di creatività: merito dei Parallelismi, capaci di tessere fili tra voci ed espressioni diverse, fra realtà agli antipodi.

Il MAP Festival è realizzato anche grazie al prezioso contributo di Varvaglione1921, la BCC di San Marzano, Kyma, Ninfole, Teleperformance, Programma Sviluppo e Five Motors. Ringraziamento rivolto anche a New Home Immobiliare, Miccoli Group, Marturano Elettricità e Chemipul.

Gli altri appuntamenti con il MAP Festival. Mercoledì 15 giugno, capannone di Five Motors: Deproducers, progetto nato dall’estro di Vittorio Cosma (tastierista, ex PFM), Riccardo Sinigallia (cantautore e produttore), Gianni Maroccolo (già bassista di Litfiba e CCCP-Fedeli alla linea), Max Casacci (chitarrista e vocalist dei Subsonica) e Riccardo Sinigallia (cantautore e produttore). Brani inediti, immagini suggestive e una scenografia per una conferenza scientifica del filosofo Telmo Pievani, romanziere ed evoluzionista (ingresso 20euro).

Giovedì 16 giugno in piazza Garibaldi: flash-mob artistico sulle note del dj set di Ultra Naté, regina della musica house e autrice della celeberrima “Free”. Sabato 18 giugno, a conclusione del “MAP”, “Look at the world”, con John Rutter, compositore, direttore di coro e d’orchestra. Tra i più noti e apprezzati nel panorama musicale internazionale, all’interno della Concattedrale Gran Madre di Dio dirigerà settanta professori dell’Orchestra della Magna Grecia e centotrenta coristi del L.A. Chorus e dell’A.R.CO.Pu, l’Associazione regionale dei cori pugliesi (ingresso 10euro).

Lo stesso Rutter, ispirato dalla spiritualità e dall’arte della Cattedrale di San Cataldo, ne comporrà il “quadro sonoro”, opera multisensoriale destinata a diventare must e appuntamento fisso del MAP Festival anche negli anni a venire. Fino a sabato 18 giugno, per tutta la durata del MAP Festival, piazza Garibaldi ospiterà l’installazione/mostra a cielo aperto “Le Ragazze” di Francesco Di Dio aka EFFE.


Condividi

Sabrina Del Piano

Archeologa preistorica, dottore di ricerca in geomorfologia e dinamica ambientale, esperta in analisi dei paesaggi. Operatore culturale, ideatrice di eventi culturali, editoriali ed artistici. Expert in prehistoric archaeology, geomorphology and landscapes analysis. Cultural operator and art events organizer

Lascia un commento