Di Gregorio (Pd): diritto di cronaca e tentazioni di facili deduzioni

Condividi

“Come ho sempre fatto da quando sono stato eletto in Regione, anche ieri ho partecipato alla seduta della massima Assemblea regionale. Preciso che le uniche assenze in quasi due anni di legislatura, sono state causate da motivi di salute.
Appena arrivato in Aula ho comunicato alla Presidenza la necessità di lasciare anzitempo i lavori per celebrare un matrimonio civile a Taranto alle 16. E così ho fatto mentre il dibattito era ancora in corso. Lo scioglimento della seduta per mancanza di numero legale è intervenuta  successivamente.
Sorprende, pertanto, finire nell’elenco di quanti firmano e scappano via dal Consiglio per mettere in salvo l’indennità a fine mese come riportato dal Corriere del Mezzogiorno. Un modo di fare che non mi appartiene, lontano dalla mia etica e che ho sempre combattuto. Diritto di cronaca e di critica, certo. Ma anche dovere di raccontare i fatti senza cadere nella tentazione di facili deduzioni e ricostruzioni sommarie”.
Vincenzo Di Gregorio
Consigliere regionale (Pd)

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento