Presentato a Grottaglie “L’uomo custode della natura” di Ferrante De Benedictis

Condividi

Ferrante De Benedictis

Nella serata del 19 agosto us, nell’accogliente  giardino di “Villa Relais d’Itria” a Grottaglie, si è parlato di Natura, Energia e Ambiente con la presentazione del libro “L’uomo custode della natura” di Ferrante De Benedictis, evento organizzato dall’Associazione Nazione Futura Grottaglie in collaborazione con la sezione “Enalcaccia Grottaglie”.

 
“…La Voce dell’Autore…”, è la sezione culturale dedicata ai libri di “Nazione Futura Grottaglie”, dove vengono esternati i punti di vista della destra conservatrice, cattolica, sociale e liberale, un incontro culturale voluto per confrontarsi e stimolare il dibattito cittadino sui vari temi, nazionali e territoriali. E quale migliore spunto se non la presentazione di un libro dedicato alla Natura!
 
Infatti l’autore l’ing. De Benedictis, torinese di adozione ma lucano di nascita, ha raccontato le parti del breve ma intenso saggio sul tema ambientale ed energetico, un viaggio nella dimensione “ecologica” del pensiero conservatore che racconta la ricerca di un antico patto tra uomo e natura, chiave secondo l’autore di una piena ed efficace salvaguardia del Pianeta.
“Noi abbiamo ereditato la custodia della Natura – ha detto De Benedictis- quindi l’uomo è responsabile della comunità dove vive, ma qualcosa non sta funzionando per la difesa della Natura, perché se ne sta facendo un discorso prettamente ideologico”
 
“Vi è un’unità originaria e imprescindibile fra uomo e natura. Trasformare l’ambiente per renderlo vivibile implica prima di tutto un’azione che educhi l’uomo nei confronti di sé stesso. Oggi invece la natura, in apparenza divinizzata, finisce per essere considerata come una cosa, un oggetto e non una comunità a cui appartenere, dimenticando che l’ambiente non si salva senza salvare l’uomo, il suo territorio e la sua comunità storica e culturale.”
La serata è stata aperta dall’avv. Ciro Francesco Miale responsabile di “…La Voce dell’Autore…” che ha fatto un veloce excursus sulle varie problematiche che attanagliano il Paese Italia e il nostro territorio. Interessante anche l’intervento di Cosimo Fanigliulo – Delegato Responsabile Enalcaccia Puglia, il quale ha stigmatizzato il ruolo che hanno i cacciatori nella cura e protezione della Natura, la demonizzazione del cacciatore è solo di natura ideologica ma nei fatti il cacciatore è un vero custode dei territori in cui esercita la sua attività venatoria, perché il cacciatore rispetta i luoghi e se vogliamo vigila contro le aggressioni che quotidianamente vengono fatte in Natura da persone irresponsabili.
A fine serata, l’Associazione politico-culturale Nazione Futura, di cui Ferrante De Benedictis è Vicepresidente, ha inaugurato i nuovi circoli di Nazione Futura Ginosa, Manduria e Maruggio.


Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento