Accade in PugliaCronacaCronaca SindacalePRIMO PIANOSanitàTaranto & Provincia

Bene le dichiarazioni e le progettualità dell’avv. Michele Pelillo sul San Cataldo: ma quanti errori nella progettazione

Condividi

La UIL FPL Taranto per il tramite del Segretario Generale Emiliano Messina si schiera a supporto delle dichiarazioni del Commissario della Azienda Ospedaliera SS Annunziata sulla necessità di prevedere una urgente modifica del progetto al fine di inserire aree e spazi da destinare ai Corsi di laurea in Medicina e Chirurgia e a quelli delle Professioni sanitarie.

Non mancano però le polemiche sui gravi errori in fase di progettazione.

Per il Segretario Generale Emiliano Messina “è inaccettabile che in fase di progettazione non ci si sia posto il problema su dove allocare gli uffici amministrativi che ha comportato una modifica del progetto in corso d’opera”, così come è inaccettabile “che non si sia pensato prima a creare in fase progettuale degli spazi dove destinare i Corsi di laurea in Medicina e Chirurgia e a quelli delle Professioni sanitarie”.

Sono tutti interrogativi su cui pretendiamo risposte da parte dei Dirigenti responsabili della progettazione, afferma Emiliano Messina.

Il progetto Azienda Ospedaliera San Cataldo non è certo partito con il piede giusto, ma ora è il momento di unire tutti gli stakeholders, dalla politica, alle parti sociali, agli Ordini professionali per il bene della nostra Città.

Come Organizzazione sindacale Confederale abbiamo a cuore i temi sensibili per la nostra Città, ovvero quella della formazione e della creazione di una vera Città universitaria. Il cambiamento e lo sviluppo parte proprio dalla creazione di un Polo universitario e una Azienda Ospedaliera d’eccellenza che sia attrattiva per il cittadino e per i luminari della medicina.

Per queste motivazioni tutta la UIL FPL Taranto è pronta a supportare tutte le iniziative di sviluppo e crescita per la Provincia Jonica.

Chiederemo un incontro all’avv. Michele Pelillo per affrontare congiuntamente il problema dell’Università nella istituenda Azienda Ospedaliera San Cataldo, non c’è tempo da perdere.

I Corsi di laurea nelle Professioni sanitarie hanno necessità di essere inseriti in un contesto che ne valorizzi il ruolo e le funzioni all’interno del SSN, per questo proporremo temporaneamente di utilizzare alcuni spazi all’interno della Banca dei Saperi (ex Banca d’Italia) in attesa della effettiva messa in opera del nuovo San Cataldo.

In quest’ottica supportiamo il lavoro e le iniziative di tutti gli Ordini delle Professioni sanitarie, da quello delle Professioni Infermieristiche, a quello delle Ostetriche a quello Professioni Tecnico-sanitarie, della Prevenzione e della Riabilitazione che in queste settimane sono impegnati in un intenso lavoro di rappresentanza professionale.

Il San Cataldo è un’opera storica e troppo importante per la Città di Taranto, non può essere oggetto di tentativi di sminuirne il progetto o di battute d’arresto.

 

 


Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento