Taranto & ProvinciaCronacaPianeta GiovaniPolitica SocialePRIMO PIANO

Servizio Civile Universale, domande fino al 30 settembre. Melucci: «Mettiamo i cittadini al centro dell’azione amministrativa»

Condividi

TARANTO – Scadranno alle 14 del prossimo 30 settembre i termini per candidarsi ai diversi avvisi per il Servizio Civile Universale.
La Provincia di Taranto è capofila dell’aggregazione di enti locali dove sarà possibile svolgere materialmente il servizio e che comprende i comuni di Taranto, Brindisi, Arnesano, Avetrana, Castellaneta, Crispiano, Francavilla Fontana, Leporano, Latiano, Maruggio, Pulsano e Torricella.
«Il Servizio Civile ci consente di mettere i cittadini al centro dell’azione amministrativa – ha spiegato il sindaco di Taranto, nonché presidente della Provincia, Rinaldo Melucci – non solo come destinatari di innovazioni, ma anche come protagonisti effettivi. Tanti ragazzi, in questo modo, crescono e acquisiscono professionalità spendibili in futuro».
Si tratta di due programmi e quattro progetti incentrati su tematiche digitali e ambientali, destinati a giovani di età compresa tra i 18 e i 28 anni, da impiegare negli enti locali coinvolti per dodici mesi, con un assegno mensile di 444 euro.
Le domande di partecipazione vanno compilate esclusivamente utilizzando l’applicativo disponibile all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it, accedendo tramite Spid da qualsiasi tipo di dispositivo, avendo cura di individuare la sede di svolgimento del servizio. Le domande trasmesse con modalità diverse non saranno prese in considerazione.
Nell’ambito del programma di Servizio Civile Digitale denominato “Comunità digitale 2022”, sono previsti i due progetti “Mondo digitale 2022″ (12 operatori) e “Cittadini al centro 2022″ (12 operatori). Per quanto riguarda il programma di Servizio Civile Ambientale denominato “Missione 2: l’ambiente in agenda”, sono previsti i progetti “Appuntamento con il verde” (10 operatori) e “Appuntamento 1: piazze pulite” (10 operatori).
Sono previste riserve di posto per giovani appartenenti a nuclei con difficoltà economiche, desumibili da un valore Isee inferiore o pari alla soglia di 15mila euro.

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento