Orchestra della Magna Grecia: Concerti per la pace

Condividi

Dirige il Maestro Piero Romano. Ventuno elementi per un breve tour teatrale. «C’è molta attesa e grande entusiasmo per questi eventi musicali», dice Dimitri Gogas, organizzatore insieme con Agron Xoxa del progetto promosso dal MIC, il Ministero dei Beni e della Attività culturali

Fino a domenica 2 ottobre i Concerti per la pace dell’Orchestra della Magna Grecia diretta dal Maestro Piero Romano in Albania e Grecia. Si tratta di un breve tour sostenuto dal MIC, il Ministero dei Beni e delle Attività culturali. Un impegno, quello dell’Orchestra, che rientra in un progetto di interscambio culturale che ha trovato attivi interlocutori in Dimitri Gogas (Grecia) e Agron Xoxa (Albania), organizzatori dei quattro eventi musicali. Queste le sedi (e le date) dei concerti: Teatro “Mirko Petri” di Valona (29 settembre) e Teatro “Bylis” di Fier (30 settembre) in Albania; Prevesa (1 ottobre) e Centro culturale Ioannina (2 ottobre) in Grecia.

Un altro impegno di statura internazionale per l’Orchestra della Magna Grecia, che nell’occasione accompagnerà i tenori albanesi Kastriot Tusha e Josif Gjipali. Ventuno in tutto i professori dell’Ico diretti dal Maestro Piero Romano, direttore artistico della stessa Orchestra.

«C’è un filo conduttore, un legame forte con Grecia e Albania – dice il Maestro Piero Romano – due Paesi nei quali torniamo spesso, intanto per eventi come i Concerti per la pace ai quali siamo stati invitati in questi giorni; lusingati dall’attenzione che ci hanno rivolto gli autori del progetto musicale, ci piace ricordare l’impegno di “residenza artistica” con “Mousiké et Aretè”, proprio in Grecia ed Albania, altro progetto importante realizzato in collaborazione con il MArTa, il Museo archeologico nazionale di Taranto».

«C’è entusiasmo e attesa in Grecia – dice Dimitri Gogas, uno dei responsabili del progetto – per i concerti che vedranno protagonista una delle eccellenze italiane in “missione di pace”; anche in tempi di pace, e purtroppo in questo momento non possiamo dire di essere sereni per quanto accade in Ucraina, è bene intervenire con iniziative simili, attività musicali importanti e per giunta eseguite dall’Orchestra della Magna Grecia che da noi gode di stima e fama, avendo tenuto altri concerti nel nostro Paese».

Questo il programma musicale. Insieme con i tenori, l’Orchestra della Magna Grecia eseguirà “Lucevan le stelle” (Tosca, Puccini), “Nessun dorma” (Turandot, Puccini), “Dicitencello vuje” (Falvo-Fusco), “Porquoi me reveiller” (Massenet, aria di Werther), “Solveig song” (Grieg); l’Orchestra eseguirà “Intermezzo” (Cavalleria rusticana, Mascagni), “Ouverture” (Nozze di Figaro, Moart), Preludio sinfonico (Puccini); questi, invece, i duetti: “O sole mio”, “Quando l’amore diventa poesia”, “Grande amore”, “Sagapo giati ise orea” (greke), “Enas kompos O’Hara mou” (greke), “Moj e bukur arberi” (shqiptare).

Diretti dal Maestro Piero Romano, i professori: Giancarlo Frassanito, Sofija Tomic, Giovanni Orsini, Antonella Rutigliani, Claudio Mastrangelo, Antonio Errico, Salvatore Pichierri, Massimiliano Zenato, Marco Cappelli, Davide Scattarreggia, Giovanni Marinotti, Nicolas Chimienti, Paola Troiano, Anna Mincolla, Matteo Notarangelo, Gianpio Mazzotta, Luciana Palladino, Delia La Gala, Vito D’Addabbo e Danilo La Grotta.


Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento