Sava Piano Strade 2023. Finanziamenti a fondo perduto per un milione e 200 mila euro totali

Condividi

Il Comune di Sava prosegue la sua opera di riqualificazione e completamento delle vie interne all’abitato. Il tutto grazie a due finanziamenti, il primo Regionale pari a 200 mila euro e l’altro dell’Unione Europea “NextGenerationEU” pari a complessivi 990 mila euro.
Con due differenti delibere, nei giorni scorsi, la Giunta Comunale ha approvato i progetti esecutivi di interventi che consentiranno il ripristino delle condizioni di confort dell’utenza veicolare e pedonale e il completamento urbanistico di alcuni insediamenti ormai consolidati.

“Continuiamo a lavorare prediligendo una sensata programmazione degli interventi che ha consentito anche questo ulteriore ed importantissimo risultato. Sono soddisfatto – rimarca il Sindaco Gaetano Pichierri (foto di copertina)- perché abbiamo la conferma che il lavoro di squadra, alla fine, ripaga sempre. Programmeremo a breve ulteriori azioni perché c’è ancora tanto da fare per migliorare maggiormente la viabilità sia interna e sia nelle strade rurali del nostro territorio. Vorrei ringraziare l’assessore Giuseppe Saracino e tutti i componenti dell’area lavori pubblici per l’ottimo lavoro effettuato in questi mesi”

Certamente positivo è anche il commento proprio dell’Assessore ai lavori pubblici, Giuseppe Saracino: “Sono felice perché l’impegno e l’abnegazione di questi primi sei mesi di Amministrazione Comunale comincia a portare i suoi frutti. Gli interventi che andremo ad effettuare sono particolarmente importanti. Attraverso la realizzazione della pavimentazione stradale di Via Papa Giovanni e Via Bachelet, creeremo un’arteria importantissima per lo sviluppo e l’accessibilità della nostra area mercatale, una delle più grandi e proficue dell’intera provincia jonica. Intendo ringraziare, l’arch. Alessandro Fischetti e tutta l’area dei lavori pubblici per l’eccellente lavoro svolto quotidianamente. Grazie al loro impegno e alla loro professionalità, nei prossimi mesi, potremo dare luogo ad importati opere”.


Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento