WellnessIL BUONGIORNO DI PINA COLITTAPRIMO PIANO

Il Buongiorno di Pina Colitta. Che noia gli auspici del nuovo anno!!

Condividi

Che noia… Che assoluta noia!!! Oggi il web pullula di vari messaggi preconfenzionati per augurare  bene, salute, serenità, soprattutto declinando l’idea che durante le festività si debba essere felice a tutti i costi, e che la tristezza è un’emozione sbagliata, che nessuno dovrebbe provare in questo periodo…

 Perdonatemi non intendo essere cinica nel dire che non amo le cose ovvie, né recitare ciò che tutti vorremmo sentirci dire!

Ogni situazione è e la viviamo con le nostre emozioni, quelle che partono dal nostro stato d’animo; ogni esperienza la vediamo in base a quello che ci raccontiamo circa la situazione che stiamo vivendo… Negli auguri frasi fatte, sul dover stare bene a tutti i costi, sul non dover stare da soli, sul dover vivere in un eterno trenino in cui tutti si vogliono bene, sul non dover avere paura del futuro, ma, fianco a fianco sorridenti,  sono davvero nauseanti!

Insomma una miscellanea di pensieri positivi che hanno solo come risultato, invece lo stare male! Forse, e dico forse, maggiore razionalità nel valutare le nostre aspettative ci farebbe guardare con un pizzico di attenzione in più ciò che abbiamo realizzato senza pretendere troppo da noi stessi o dalle situazioni.

Forse, e dico forse, ridimensionare le aspettative su una base più razionale potrebbe consentirci di riattivare più concretamente le energie per raggiungere in futuro dei nuovi obiettivi, salutando più realisticamente questo nuovo anno.

Un possibile augurio per me, per transitare in questo “novello” anno, potrebbe essere quello di condividere vissuti con altre persone care, ma soprattutto in linea con il nostro sentireparlare, raccontarsi e comunicare come ci sentiamo. Si, condividere sempre le nostre emozioni non potrebbe forse, e dico forse, consentire di superare quel sentimento di solitudine, che alimenta ulteriormente la tristezza?

Un altro possibile augurio per me potrebbe essere quello di fare qualcosa per gli altri e pensare a chi sta peggio di noi. Si, cercare di pensare alle persone, a prescindere che si tratti di parenti, amici o persone che stimiamo per qualche motivo. Quelle persone potrebbero diventare persone a noi care; potrebbero diventare persone alle quali potremmo tenerci, con le quali vorremmo condividere un momento felice. Cercare di stare insieme, fare un piccolo gesto gentile nei loro confronti, farli sentire amati ed apprezzati così come vorremmo esserlo noi. Ecco il mio augurio è proprio questo: GUARDARCI ANCORA PIÙ INTORNO. E forse, dico forse, quest’anno potrebbe portare il vero miracolo, dare un senso concreto al nuovo Natale, come festa della solidarietà che spinge tutti noi a donare il proprio “preziosissimo” tempo in particolare a chi è meno fortunato. Abbiamo un anno per organizzarci ed essere utili ad altri! Ci aiuterà a distogliere tutta l’attenzione dai problemi personali e a sperimentare emozioni positive. E allora la tristezza, la malinconia, che tocca ognuno di noi, potrebbe essere vista come un’opportunità perché anche un’emozione negativa può avere un lato positivo.

“Le grandi anime hanno la volontà, le deboli non hanno che dei propositi.”

 Proverbio cinese


Condividi

Lascia un commento