CulturalibriPRIMO PIANO

Abitare la natura in un magico equilibrio armonico – Questa l’essenza del libro di Maria Cristina Cantàfora “L’equilibrio della terra”

Condividi

Recensione di Stefania Romito

 

L’equilibrio della terra di Maria Cristina Cantàfora, scritto insieme a Marco Rusconi e a Clementina Cantàfora (con Prefazione di Paolo Carnemolla, edito da Agribio Edizioni), è uno splendido compendio delle principali linee guida delineate dai più importanti esperti di agricoltura biologica, Padri fondatori di quella che può essere considerata a tutti gli effetti una “scienza naturale”.

Ad affascinare la lettura è il comprendere come l’agricoltura, protagonista indiscussa di questo prezioso volume, venga vissuta osservata analizzata mediante un approccio filosofico-esistenzialista, tralasciando in parte l’aspetto puramente tecnico, con l’obiettivo di sensibilizzare la coscienza del lettore orientandola verso la visione metafisica di una tematica che si sta imponendo sempre più con urgenza ed emergenza nel sistema economico-sociale della nostra contemporaneità.

Una emergenza dovuta a svariati fattori tra cui il progressivo allontanamento dell’uomo dalla terra, attirato da fonti di reddito più vantaggiose, così come il non rispetto della ciclicità delle stagioni e uno sconsiderato sfruttamento delle risorse naturali. Fonte di questi deleteri comportamenti è la bramosia di denaro che rischia di condurre l’uomo all’autodistruzione.

L’equilibrio della terra pone già dal titolo l’accento su uno degli aspetti imprescindibili di una condotta responsabile e rispettosa di quelle che sono le risorse naturali del nostro pianeta: l’equilibrio in un armonico agire. Ed è proprio a partire da questo concetto, tanto semplice da comprendere quanto complesso da perseguire, che si snodano le concezioni teoriche e pratiche dei personaggi protagonisti di queste pagine. Da Steiner ad Altieri, passando per Mollison e Fukuoka.

Un excursus coinvolgente tra le considerevoli esperienze biografiche e professionali di illustri pensatori che hanno intuito l’importanza di preservare gli equilibri della natura ponendo in essere innovative prospettive. E così, la biodinamica del filosofo viennese Steiner, generata dall’esigenza di penetrare in maniera profonda e totalizzante nel mondo dello spirito, mira a stabilire un legame armonico tra natura ed elemento spirituale, in una fusione panteistica di immanente rilevanza.

Ma se Steiner focalizza l’attenzione sul congiungimento armonico dell’uomo spirituale allo spirituale dell’universo tramite l’antroposofia, il giapponese Fukuoka promuove la “rivoluzione del filo di paglia” generata dal rispetto del meccanismo di autoregolazione che disciplina i cicli legati all’agricoltura e dalla “non azione” da parte dell’uomo: «La natura in sé è completa, basta servirla perché fornisca all’uomo l’indispensabile per il suo sostentamento. È fondamentale stare nel vuoto, nell’essenza delle cose, attribuendo valore alle cose meno rilevanti come un filo di paglia».

Il concetto di armonia, legato al senso di equilibrata convivenza, connota anche il pensiero pioneristico del biologo Mollison, noto come “permacultura”. Un sistema volto alla sussistenza che agisce in sinergia con le altre realtà semistanziali quali l’allevamento di animali, la selezione di colture e l’utilizzo del fuoco controllato per regolare i raccolti, in regime di assoluta autosufficienza. E come sostiene Altieri, altro illustre scienziato ricordato in questo importante testo, è necessario rinvenire una giusta interazione tra agricoltura ed ecologia al fine di preservare l’ambiente, poiché la sicurezza alimentare può essere garantita soltanto nel pieno rispetto della biodiversità.

L’intelligenza umana sta proprio nel riuscire ad assicurare la sicurezza alimentare senza compromettere quegli equilibri naturali che non devono essere intaccati perché, come ci ricordano gli autori: «Quando avremo finito con questo pianeta, non ce ne daranno un altro. Ognuno di noi può iniziare a preservarlo attraverso piccoli gesti di consapevolezza».

Consapevolezza, responsabilità, armonia. Questi i precetti fondanti sui quali si basa l’indagine esplorativa di Maria Cristina Cantàfora, Marco Rusconi e Clementina Cantàfora. Autori di un libro che ci riporta al valore intrinseco della terra mediante la riscoperta di quel senso di naturalità che abita la nostra intima essenza.

 

 

 

 

 

 

 

 


Condividi

Stefania Romito

Stefania Romito è giornalista pubblicista e scrittrice.

Lascia un commento