Accade in PugliaAgricolturaTaranto & Provincia

Assemblea congiunta CIA, Coldiretti e Copagri svoltasi a Palagiano con gli agrumicoltori

Condividi

Palagiano. Assemblea congiunta CIA, Coldiretti e Copagri svoltasi mercoledì 9 maggio a Palagiano con gli agrumicoltori presso la biblioteca comunale: è emersa l’esigenza di promuovere gli agrumi dei territori di Ginosa, Castellaneta, Palagiano, Palagianello, Massafra, Taranto e Statte, con un soggetto che sia davvero rappresentativo di tutti i produttori e sappia, in concreto, recepire le istanze di tutti i produttori del territorio, in condivisione con le organizzazioni agricole.

Sono diverse le cause della crisi del comparto agrumicolo della provincia di Taranto che da latente si è trasformata in drammatica nell’ultimo biennio, a causa di diversi fattori concomitanti quali: la continua riduzione generale del consumo di agrumi; i recenti eventi atmosferici estremi, quali le gelate primaverili, siccità e grandinate estive; l’incremento esponenziale dei costi di produzione in campagna nel 2022, principalmente per effetto dell’incremento dei costi per l’acqua, per l’energia, per l’acquisto delle materie prime e per la bonifica; l’importazione incontrollata di agrumi da Paesi Extra Ue nei quali il prodotto viene coltivato secondo standard non consentiti in Europa, garantendo così costi di produzione più bassi e profitti più alti in favore della sola GDO a scapito sia del comparto agrumicolo nazionale, sia della salute dei cittadini consumatori; il crollo dei prezzi riconosciuti al produttore, che peraltro costituiscono una palese violazione delle norme contro le pratiche sleali nelle transazioni commerciali tra agricoltori e distributori che produce effetti pesanti sul piano economico e occupazionale per le imprese agricole, che subiscono la disparità e squilibrio nel rapporto tra chi produce e chi commercializza.

Tuttavia alcuni mesi fa, finalmente, sono arrivati i primi interventi mirati a sostenere il reddito degli agrumicoltori, per ridurre la volatilità e stabilizzare i prezzi degli agrumi, per promuovere i consumi sul mercato interno di prodotti del territorio rispetto a quelli provenienti da altri Paesi UE, per favorire le esportazioni della produzione nazionale.

Un primo risultato ottenuto grazie al supporto ed alla disponibilità dell’assessore all’Agricoltura Donato Pentassuglia è stata la sottoscrizione lo scorso 21 febbraio 2023 del “Protocollo per la stabilità, la sostenibilità e la valorizzazione della filiera ortofrutticola pugliese” presso la Regione Puglia, un passo importante per lo sviluppo di filiere ortofrutticole e di promozione sui mercati interno ed estero di tutta l’ortofrutta pugliese, compreso il comparto agrumicolo tarantino.

Un concreto segnale è poi arrivato a livello nazionale con il sostegno accoppiato al reddito per superficie investita ad agrumeti specializzati (articolo 32 D.M. 23 dicembre 2022 n. 660087 del MASAF) che, anche grazie ad una capillare azione condotta sul territorio, ha determinato una massiccia campagna di adesione al marchio IGP “Clementine del Golfo di Taranto”.

Infine, nel corso della recente manifestazione dello scorso 17 aprile 2023 è emersa forte la volontà da parte degli enti locali, di diverse associazioni di categoria, di tantissime imprese agricole, cooperative, OP ed aziende commerciali, di volersi riappropriare del proprio protagonismo nella valorizzazione del brand dell’IGP e, di conseguenza, di tutto il paniere agrumicolo tarantino, recuperando la titolarità ed il ruolo che spetta loro per rilanciare il Consorzio di Tutela dell’IGP “Clementine del Golfo di Taranto”.

L’incontro è stato presieduto dai presidenti e dai direttori di CIA e Coldiretti rispettivamente Pietro De Padova e Alfonso Cavallo, Vito Rubino e Franco Dell’Acqua.

All’incontro ha fatto arrivare il suo messaggio di sostegno ed adesione anche Erminio Campa, presidente Copagri che non era presente all’assemblea in quanto impegnato all’estero.


Condividi

Franco Gigante

Il giornalista Franco Gigante, di Castellaneta, iscritto all'albo professionale dell'ordine nazionale dei giornalisti, ha cominciato a scrivere di calcio a metà anni sessanta per i settimanali regionali Il Gazzettino e NuovoSud, e di musica sui periodici nazionali Ciao2001 e NuovoSound. Come inviato musicale ha seguito per anni il Festival di Sanremo. «Nel 1982 ero inviato per il Corriere del Giorno e fui chiamato sul palco in rappresentanza dei quotidiani regionali, insieme a Sandro Mayer per i settimanali e a Mario Fegiz per i quotidiani nazionali: controfirmammo la busta con il nome del vincitore indicato da Giucas Casella che fu aperta alla nostra presenza nella serata finale: c’era il nome di Riccardo Fogli, vincitore di quell’anno con la canzone “Storie di tutti i giorni”». Ha seguito quasi tutte le edizioni di Un Disco per l’Estate a Saint Vincent, Gondola d’Oro a Venezia e Vela d’Oro a Riva del Garda. «Sul palco del Saint Vincent Estate 1978 presi parte a un gioco musicale in coppia con Fred Bongusto e trasmesso per la prima volta a colori dalla Rai; fra gli altri artisti di quella edizione c’erano anche Mia Martini, Patty Pravo, Franco Califano, Renato Zero, Tozzi, i Pooh, Oxa e Venditti». È inviato musicale dell'agenzia nazionale di stampa Italpress, è critico musicale per i quotidiani regionali Corriere Adriatico di Ancona, Il Centro di Pescara, Giornale di Sicilia, e collabora con Nuovo Quotidiano di Puglia e Buonasera Taranto. Nella sua carriera ha scritto anche sui quotidiani Corriere Mercantile di Genova, Il Giornale di Reggio, Nuovo Molise, La Gazzetta del Popolo, La Provincia di Como, Il Giornale di Calabria, La Voce di Reggio, Calabria Ora e La Gazzetta dello Sport. È stato direttore del periodico Contatto, dell’emittente televisiva RTM e di Radio 94 Taranto. Come ufficio stampa ha curato la comunicazione del Centenario della Nascita di Rodolfo Valentino, Carnevale di Putignano, CantaGargano, Ercole d'Oro, Torneo Ludovico nazionale di calcio giovanile, Fondazione Rodolfo Valentino, Sagra da Farnedd e dei Sapori di Puglia, Premio Internazionale Rodolfo Valentino Economia Finanza Comunicazione e Ricerca, Valentino d'Argento, Mandarino d'Oro, Premio Internazionale Città di Valentino, Concorso Internazionale Musicale Crisalide, Concorso Internazionale d'Esecuzione Pianistica Città di Valentino, Comunità L’Incontro, Carnevale di Castellaneta, Miss e Mister Bellezza Jonica, Miss Castellaneta Marina; Enti e privati cui presta, o ha prestato, il lavoro di addetto alla comunicazione sono i Comuni di Castellaneta e di Palagiano, C.I.A. Area Due Mari Taranto e Brindisi, Ordine Equestre Santo Sepolcro di Gerusalemme, GAL Luoghi del Mito e delle Gravine, Comunità Montana della Murgia Tarantina, Diocesi di Castellaneta, Discoteca Nafoura di Castellaneta, Discoteca DNA di Ginosa Marina, Caffè del Cavaliere di Matera, Colombata Famosa 1867 di Massafra, Jonica Eventi, Greenergy, Lega Navale Castellaneta. Ai primi anni settanta ha iniziato la carriera di dee-jay a Saint Vincent (Aosta), per proseguirla successivamente al Blu Moon di Marina di Ginosa e al Bi.Blu.Ar. di Martina Franca. A metà anni settanta ha dato vita a Radio Gieffe Castellaneta insieme ad altri appassionati di musica. «Era una delle prime radio ‘libere’ italiane della Puglia che condivisi con alcuni imprenditori per la parte economica e con molti giovani promettenti dee-jay; la radio dava voce ai cittadini con programmi di dediche e aveva anche strisce specifiche di vari generi musicali». In ambito sportivo è stato dirigente del Milan Club Castellaneta e della squadra del Castellaneta Calcio, insignito del Premio CONI 2000 e dei premi benemerenza FIGC 1992 e 2003. «Entrambe le Stelle al merito sportivo mi furono consegnate a Roma, nel 1992 dal presidente Antonio Matarrese e nel 2003 dal presidente Franco Carraro: in entrambe le occasioni l’emozione fu tantissima». Ha promosso e organizzato il Torneo Ludovico nazionale di calcio giovanile per quasi vent’anni insieme ad altri sportivi. Ha prestato servizio di capo stazione nelle Ferrovie dello Stato Italiane a Bari Centrale, San Basilio Mottola e a Castellaneta Campagna.

Lascia un commento