CinemaAccade in PugliaCronacaCulturaPRIMO PIANOSpettacoloTaranto & Provincia

“Anna e la Danza”, il docufilm che racconta Taranto attraverso l’arte e la danza sportiva

Condividi

Taranto – Presentato questa mattina a Palazzo di Città il docufilm “Anna e la Danza”, realizzato da UNICA Benefit con la partecipazione della ballerina tarantina Anna Allegretti, protagonista della produzione.
L’opera ha l’obiettivo di raccontare e promuovere la danza sportiva e il territorio ionico dal punto di vista turistico e culturale, attraverso le gesta atletiche e artistiche di Anna Allegretti riprese in iconici scenari della città di Taranto, dalla Concattedrale Gran Madre di Dio, alla Città Vecchia.
La prima del docufilm avrà luogo nei prossimi mesi, partendo dal capoluogo ionico: un’attività di promozione che non si fermerà esclusivamente alla presentazione ufficiale del documentario ma proseguirà con una serie di workshop e di residenze artistiche nella città, curate da UNICA Benefit.
“Tutto ciò che mette in luce le bellezze del nostro territorio, a partire dei nostri giovani atleti, è per noi un valore inestimabile – ha dichiarato il sindaco Rinaldo Melucci – per questo motivo oggi ringraziamo chi ha realizzato questo splendido docufilm, perché ha colto le tante opportunità e le suggestioni che la nostra terra offre. Siamo sicuri che quest’opera potrà fornire una narrazione positiva, incentivando le generazioni future a non abbandonare i propri sogni, a comprendere che qui è possibile coltivare ambizioni e pratiche sportive di qualità.”
“Come amministrazione e, in particolare, come Assessorato alla Cultura, vogliamo sostenere tutte quelle attività artistiche che portano lustro alla città, sospingendo tutti gli sport, anche quelli meno noti come la danza sportiva – le parole dell’assessore Angelica Lussoso – ringrazio quindi l’amministratore unico di UNICA Benefit, Pier Luigi Sarzi Amadè, il regista, Michele Rovini, il maestro di danza, Alessio Di Veronica e la protagonista, Anna Allegretti, con la sua maestra tarantina, Sandy Lezza, per aver realizzato questo piccolo grande capolavoro.”

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento