AssociazionismoCronacaSanitàTaranto & Provincia

La Casa di Cura “Arca” della Cittadella della Carità può tornare ad accogliere i pazienti

Condividi

Revocata la sospensione dell’accreditamento

Taranto – La Regione Puglia, dopo aver attentamente valutato le memorie difensive fatte pervenire dalla Fondazione Cittadella della Carità,  ha revocato il  provvedimento di sospensione delle autorizzazioni all’esercizio e degli accreditamenti in capo alla Fondazione Cittadella della Carità in ordine alla Casa di Cura “ARCA”. Dunque  la struttura può tornare ad accogliere i pazienti.

Le prescrizioni impartite alla Fondazione da funzionari dei V.V.F. di Taranto sono state totalmente ottemperate; in ragione di ciò la Regione ha valutato positivamente gli sforzi compiuti per riavviare le attività.

Questa revoca rappresenta un segnale importante, sia dal punto di vista sociale che lavorativo. Sono stati dieci giorni di grande lavoro per il  presidente Salvatore Sibilla, il CdA ed i suoi collaboratori con gli Uffici regionali e l’assessore alla Salute Rocco Palese per il raggiungimento dell’ importante risultato per la Fondazione.

“Oggi tiriamo un primo sospiro di sollievo – afferma il presidente Sibilla – è innegabile che tutta questa situazione ci ha messi in difficoltà ma possiamo continuare nel nostro percorso di risanamento della struttura,  avendo a cuore sia il futuro dei lavoratori che quello del territorio. Ringrazio l’Arcivescovo mons. Miniero per l’impegno che sta profondendo per l’Opera fondata da mons. Motolese.  Continueremo ad operare affinché sia tutto in ordine. La Cittadella della Carità ha un grande valore, e  salvarla è l’obiettivo da perseguire, obiettivo che vogliamo condividere con tutte le organizzazioni sindacali”.


Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento