Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Maggio 2019

Ieri, 28 maggio, si è riunita l’Assemblea provinciale di Articolo Uno per fare l’analisi del voto europeo e amministrativo in provincia di Taranto e in tutta la regione.

Presiedevano il segretario provinciale, Massimo Serio, Aurelio Marangella della segreteria provinciale e Mino Borraccino, assessore regionale. Erano presenti numerose delegazioni di compagne e compagni, provenienti da tutta la provincia.

Nella sua relazione introduttiva, Massimo Serio ha ricordato che Articolo Uno si è presentato alle elezioni europee nella lista unitaria col PD per sostenere lo schieramento socialista e progressista in Italia ed in Europa in una fase caratterizzata dall’emergere in tutto il Vecchio Continente di forze sovraniste e nazionaliste; fenomeno che richiedeva responsabilmente la costruzione della massima unità possibile per fronteggiare le pericolose forze di destra che si profilavano all’orizzonte.

Ha poi sottolineato con rammarico che i due candidati che rappresentavano Articolo Uno nella lista unitaria, Massimo Paolucci nella Circoscrizione Sud e Cecilia Guerra in quella di Nord - Est, non sono stati eletti, anche se hanno ottenuto un ragguardevole consenso elettorale.

Naturalmente, occorre fare di più. Il lavoro da realizzare fin da subito è quello di costruire capillarmente in ogni Comune la forza di Articolo Uno, insediare le sezioni, allargare il tesseramento, fare iniziative sui territori. Un lavoro indispensabile, se il Partito intende farsi trovare preparato ai prossimi appuntamenti elettorali.

Ha poi preso la parola l’assessore regionale Borraccino. Ha dichiarato che occorre continuare a lavorare con determinazione per l’unità della Sinistra. Spiace constatare che la polverizzazione delle forze a Sinistra del PD non ha consentito a nessuna di esse di raggiungere lo sbarramento del 4%, mentre se avessero scelto la strada dell’unità avrebbero potuto totalizzare circa 2 milioni di voti e far eleggere 5/6 parlamentari europei.

In questo contesto, vanno ringraziati tutti coloro che hanno espresso la loro preferenza, oltre che per la lista unitaria, per il candidato di Articolo Uno Massimo Paolucci, il quale ha ottenuto un ottimo risultato in Puglia e nella provincia di Taranto.

E’ stato sottolineato da più interventi che i recenti risultati delle elezioni europee hanno confermato ciò che era ampiamente prevedibile, cioè l'avanzata delle destre e, in Italia, l'exploit della Lega di Salvini, anche se i sovranisti e i nazionalisti non potranno cambiare nulla, perché la maggioranza dei cittadini europei ha chiaramente posto loro un argine.

D’altra parte, però, è imprescindibile un drastico cambiamento delle politiche, delle istituzioni, della visione economica, sociale e culturale che finora hanno dominato in Europa. Come si ricorderà, questo è stato uno dei motivi per cui Articolo Uno ha deciso di schierarsi all'interno del PD, con una lista unitaria che faceva riferimento al PSE, perché da quella postazione sarà concretamente possibile impegnarsi per un'Europa solidale, che sostenga politiche di crescita economica e del lavoro, superando una miope visione ragionieristica incentrata esclusivamente su equilibri di bilancio, monetari e finanziari.

Il risultato, letto in chiave locale e nazionale, conferma la giusta scelta fatta nel perseguire la volontà di ricostruire, in Italia come in Puglia, un fronte unitario del Centrosinistra.

In Puglia le elezioni comunali hanno segnato sostanzialmente una controtendenza, rispetto alle europee. Qui siamo di fronte a un vero e proprio ribaltone, rispetto al risultato delle europee che ha visto prevalere il M5S, seguito dalla Lega. A Bari stravince Decaro al primo turno e a Lecce vince, sempre al primo turno, Salvemini: due sindaci espressione piena del Centrosinistra.

A Foggia il candidato del Centrosinistra, Cavaliere, se la vedrà al secondo turno col sindaco di destra uscente, Landella, in una partita tutta da giocare. Se Cavaliere, persona stimata, dovesse prevalere, tutte le città capoluogo della Puglia sarebbero rette da alleanze di centrosinistra.

C’è da aggiungere che altri grandi Comuni vedono la vittoria o il vantaggio del Centrosinistra. A Mesagne il doppio turno si gioca addirittura fra due candidati del Centrosinistra.

La riflessione da fare è semplice. In Puglia il Centrosinistra unito è competitivo, sa governare, molto spesso vince; il suo messaggio unitario viene colto da un’opinione pubblica stanca di assistere a divisioni spesso giocate su “distinguo” incomprensibili ai più.

C’è da auspicare che, in vista delle elezioni regionali del prossimo anno, si apra una riflessione collettiva fra le forze democratiche e civiche pugliesi. Ogni forza politica, ogni associazione, ogni movimento civico dica la sua, si confrontino le opzioni programmatiche, ma alla fine si scelga la strada dell’unità.

 

Published in Politica

Evento scientifico di elevata valenza formativa organizzato dalla Marina Militare con il Patrocinio dell’Ordine dei Medici ed Odontoiatri della Provincia di Taranto

Venerdì 31 maggio, alle ore 08.30, nella Sala Congressi del Centro Ospedaliero Militare (COM) di Taranto si svolgerà un prestigioso evento scientifico formativo, inserito nel Programma di Formazione Continua in Medicina della Forza Armata denominato “Problematiche Psichiatriche e Riflessi sull’Idoneità Lavorativa”. Saranno presenti il Comandante Marittimo Sud, Ammiraglio di divisione Salvatore Vitiello, il prof. Alessandro Bertolino, Professore Straordinario di Psichiatria del Dipartimento di Scienze Mediche di Base, Neuroscienze e Organi di Senso, Università degli Studi di Bari Aldo Moro e altre autorità civili e militari.

I vertici della Difesa stanno ponendo sempre maggiore attenzione e profondendo impegno per il miglioramento dello stato di benessere psicofisico del personale. La tutela della salute dei militari è infatti il compito principale della Sanità militare e, in virtù dell’attualità e della delicatezza che la materia riveste, gli aspetti trattati nel convegno sono seguiti con particolare interesse.

Nell’ambito della Medicina del Lavoro, il Medico Competente può trovarsi di fronte a difficoltà nell’esprimere un giudizio medico di idoneità al lavoro nei casi di pazienti psichiatrici che, proprio grazie alla terapia, potrebbero trovare un miglioramento non solo della sintomatologia, ma anche un recupero del funzionamento globale ed una remissione funzionale. Valutare quindi la capacità lavorativa, l’idoneità alla mansione, la compatibilità al lavoro del paziente psichiatrico in trattamento farmacologico, diventa un processo articolato che richiede il coinvolgimento di altre figure, non solo sanitarie, interne ed esterne alla realtà lavorativa. Scopo di questa giornata congressuale è quella di favorire una discussione sulla delicata questione, coinvolgendo le diverse professionalità, al fine di favorire il benessere psicofisico del lavoratore.

I docenti del corso provengono dalle più importanti realtà scientifiche nazionali e testimoniano quanto il Centro Ospedaliero Militare tarantino, diretto dal capitano di vascello (Medico) Vincenzo Mascellaro, sia accreditato nel contesto formativo nazionale ed attento alle necessità di aggiornamento dei propri specialisti. Grazie a tale convegno, organizzato con il prezioso contributo del capitano di vascello Vincenzo Bologna, Capo Reparto Psichiatria del COM, in qualità di responsabile scientifico, si amplia ulteriormente l’offerta formativa assicurata dal Centro Ospedaliero, polo di eccellenza della Marina Militare, da sempre punto di riferimento per la cura del proprio personale e della popolazione civile, come testimoniato dal recente accordo firmato con l’ASL di Taranto che prevede la possibilità di accesso a prestazioni sanitarie erogate dal nosocomio militare. In funzione di apposite convenzioni, la Marina Militare infatti, oltre ad adempiere ai compiti istituzionali di difesa e sicurezza marittima, rende disponibili pregiate capacità e conoscenze in molteplici settori a favore della collettività, tra i quali spicca quello del supporto medico, rispondendo al principio della “complementarietà” della Forza Armata.

Published in Sanità

Castellaneta - Il fatidico "il fine giustifica i mezzi" di Niccolò Macchiavelli è il grande interrogativo sul quale pone l'accento la vicenda trattata dal Gruppo ANSPI della Parrocchia Cuore Immacolato di Maria di Castellaneta nella commedia in vernacolo "Do pov'r disgraziet!" che va in scena giovedì 30 maggio 2019 nel Cine-Teatro Valentino di Castellaneta, con inizio alle ore 20:30.
Un tema scottante in quanto inserito in un dramma famigliare e, quindi, sfruttato al meglio dai protagonisti della storia in questione. Il tutto, ovviamente, viene argomentato affinché, alla fine, il bene trionfi e vi è la redenzione dei protagonisti; inoltre, i personaggi sono tutti caratterizzati in modo tale da rendere goliardiche le scene rappresentate.
Autore della commedia, come accade ormai da anni, è Piero Giandomenico, responsabile del gruppo teatrale Anspi Parrocchia Cuore Immacolato di Maria di Castellaneta. Il cast è composto da Pasquale Ladiana, Nicla Nardone, Pina Descrivo, Giovanni Di Pierro, Lina De Fiore, Rocco Vadrucci, Domenica Pugliese, Carmela Laiola e dal debuttante Carmelo Rizzi.
Suggeritrici sono Nunzia Gioscia e Giovanna Primicerio, mentre l'aspetto scenografico è stato curato da Pasquale Benedetto, coadiuvato dai collaboratori di scena Franco Caramia e Fabrizio Gigante; dell'aspetto tecnico si occuperà Giuseppe Panetti.
Oltre ai vari messaggi che la commedia intende trasmettere allo spettatore vi è anche l'aspetto benefico: infatti, parte del ricavato della serata sarà devoluto a persone meno abbienti residenti in Castellaneta.
Quest'anno la manifestazione assume un valore molto importante in quanto il Gruppo Anspi Parrocchia Cuore Immacolato di Maria la dedicherà al proprio presidente don Nunzio Picaro, da sempre ispiratore di iniziative volte al bene della comunità.
Info: 3346917567

Published in Spettacolo

Nel video servizio  di seguito pubblicato, abbiamo montato  le parti salienti di una protesta amara da parte di cittadini che hanno la sventura di essere proprietari di terreni che di fatto non valgono niente o quasi, ma per il fisco invece sono belle cifre importante da introitare nei magri bilanci dei comuni, come quello di Grottaglie. Su questi terreni non si può costruire, non si possono vendere di conseguenza, e quindi sono sul groppone dei proprietari che vorrebbero venissero abbassate le aliquote e poi magari anche declassare questi terreni ad uso agricoli, anche se non sono nemmeno utili alla coltivazione. Inutile raccontarvi la rabbia che si evince in modo incontrovertibile dalle immagini, la gente non ce la fa più a pagare per ciò che non dà nemmeno un euro di rendita, per una proprietà dove non si può coltivare, non si può vendere, non si può edificare, si pagano da anni gabelle da capogiro.

Tristi e raccapriccianti storie di gente, famiglie, che si stanno indebitando con le banche per poter pagare le cartelle esattoriali, gente che si sta vedendo pignorate le pensioni, bloccati i conti in banca. Insomma un disastro che viene sì da lontano (40anni),  ma che mai nessuno degli amministratori che si sono succeduti hanno mai fatto azioni serie, molta gente ha creduto molto in questa ultima Amministrazione a guida D'Alò, dove la trasparenza e il cambiamento in meglio era stato il filo rosso della propaganda elettorale.
Invece ieri c'è stata l'ennesima dimostrazione che una cosa è dire e l'altra è operare con fatti concreti.

Ecco cosa scrive il vice presidente di CRITIC, il commercialista Ciro Alabrese:

"Continueremo a denunciare con forza le manchevolezze, l’indifferenza e l’incapacità del comune, sia per la componente politica che tecnica, fino a quando questi soggetti non capiranno che devono assumere comportamenti consoni col loro ruolo e funzione, perché il Comune deve avere il massimo rispetto ed essere al servizio dei cittadini e non strumento di “oppressione”. Se questo non accadrà, chiunque abbia responsabilità all’interno dell’ente comunale, dovrà assumersele pienamente di fronte all’opinione pubblica che saprà certamente valutare e “premiare “ l’operato di ciascuno. Vorrei ricordare a tutti, tecnici e politici, che la pubblica amministrazione agisce nell’INTERESSE PUBBLICO” e questo può essere garantito con la PARTECIPAZIONE dei cittadini e soprattutto con la massima TRASPARENZA dell’azione amministrativa"

 

Published in Cronaca

"Se la sanità a Taranto è un disastro  la responsabilità  è in prima battuta di Michele Emiliano, assessore alla Salute, autore  di un  piano di riordino ospedaliero dissennato. 

Il consigliere Bitetti, che chiede un cambio della guardia  ai vertici dell'ASL proprio ad Emiliano, per manifesta inefficienza, se lo dovrebbe ricordare". 
Lo dichiara il commissario provinciale e consigliere regionale di FI, Francesca Franzoso, replicando alle dichiarazioni di Piero Bitetti. 
“Oggi prendersela esclusivamente con la dirigenza della Asl – continua Franzoso – che pure ha le sue responsabilità,  è un gioco fin troppo facile. Se la città di Taranto si è posizionata al novantunesimo posto su 107  nella classifica elaborata dal Sole 24 ore come ricettività ospedaliera la colpa non può essere del management aziendale, mero esecutore delle scelte,  ma del titolare della politica sanitaria.  
Per questo suggerisco al consigliere Bitetti di chiedere, prima che un cambio del manager Asl, un cambio di passo al titolare delle scelte di politiche, responsabile dello sfascio. Lui si, farebbe bene, visti i pessimi risultati, a cedere il testimone ad altri".

Published in Politica

In materia sanitaria non bisogna confondere lo spirito di abnegazione e la professionalità del personale medico e paramedico con i risultati complessivamente conseguiti da una determinata Asl.
A Taranto e provincia, la situazione rimane critica per non dire deficitaria. Molti reparti sono al collasso, le lunghe attese ai pronto soccorso rappresentano un disagio inaccettabile per quei cittadini che si presentano in ospedale per sottoporsi alle cure del caso. A quanto è dato sapere, alcuni bandi per la selezione di personale medico si concludono senza l’individuazione dei vincitori per mancanza di candidati. Un vero e proprio paradosso.
E la lista potrebbe continuare. Del resto, l’insoddisfazione è palpabile e le ultime classifiche in merito non fanno che confermare questo scenario a dir poco edificante.
Più volte abbiamo sottolineato la necessità di intervenire per migliorare i servizi resi a beneficio della provincia ionica. Registriamo con amarezza che poco o nulla è stato fatto.
E quando un’azienda non si dimostra all’altezza del compito, i primi a pagarne le conseguenze sono i manager. Così accade nel privato, così dovrebbe accadere nel pubblico dal momento che parliamo di risorse finanziarie pubbliche e di standard di prestazioni fissate a priori e dunque misurabili con criteri oggettivi e certificati.
Forse è il caso di immaginare un cambio al vertice dell’azienda sanitaria di Taranto.
Al presidente Emiliano, che in ambito sanitario ha l’ultima parola, chiediamo di esprimersi e di prendere posizione.
Peraltro, proprio Taranto esprime - e può esprimere – professionisti di ottimo livello per assumere responsabilità di vertice nelle aziende sanitarie. Se ne valutino con serenità e senza pregiudizi attitudini ed esperienza. Anche qui: le procedure di selezione sono chiare e validate da un percorso sperimentato, dunque non si tratta di becero campanilismo ma di far sì che Taranto non venga doppiamente penalizzata.
Si abbia quindi il coraggio di agire, e di promuovere e bocciare sulla base dei risultati conseguiti dall’attuale dirigenza della Asl ionica. Il nostro giudizio, che è negativo, si fonda su dati oggettivi e per questo ci auguriamo che possa essere condiviso anche da chi, in ultima analisi, è il principale responsabile dell’offerta sanitaria pugliese. (foto di copertina di TarantoBuonaSera)



Published in Politica

“Alda Merini tarantina” è l'eloquente titolo del volume curato da Silvano Trevisani, a dieci anni dalla scomparsa della grande poetessa milanese, per l'editore cosentino Macabor, che sarà presentato giovedì prossimo, 30 maggio, alle 18, nel Salone degli Specchi di Palazzo di città, per iniziativa del Lions club Taranto Host e dal Leo club. Si tratta, come specifica il sottotitolo “In viaggio, con lei, nella Puglia poetica”, di un'antologia corposa che comprende, oltre a un saggio del curatore sugli anni trascorsi dalla Merini a Taranto, un omaggio collettivo che si apre con un intervento della sua figlia maggiorenne Emanuela Carniti, ed è composto da poesie o pensieri rivolti alla poetessa da alcuni dei più noti poeti pugliesi viventi. Il volume si completa con il ricordo di alcuni poeti pugliesi storicizzati e non più in vita e con un'antologia dei poeti viventi che hanno dedicato un testo ad Alda Merini.

I poeti “da non dimenticare”, sono, per Taranto: Michele Pierri, che di Alda fu secondo marito, Cosimo Fornaro e Giovanna Sicari; per Bari: Biagia Marniti, Luigi Fallacara, Vittore Fiore; per Lecce: Vittorio Bodini, Girolamo Comi, Claudia Ruggeri; per Foggia: Marino Piazzolla e Cristanziano Serricchio. I poeti viventi sono: Lino Angiuli, Carlo Alberto Augier, Marilena Catadini, Vittorino Curci, Dino De Mitri, Daniele Giancane, Giueppe Goffredo, Giacomo Leronni, Anna Santoliquido, Gerardo Trisolino oltre allo stesso Silvano Trevisani. Per i saggi hanno, infine, collaborato: Amedeo Anelli, Ettore Catalano, Mariarosa Cesario, Neria De Giovanni, Marco de Santis, Sergio D'Onghia, Antonio Errico, Paolo Leoncini, Francesca Mariorenzi, Giuseppe Pierri, Michele Vigilante e Bonifacio Vincenzi che è anche l'editore. 

Il volume, di quasi 300 pagine, vuole riferirsi esplicitamente, come suggerisce il titolo, agli anni del rapporto con Taranto, che comprendono il periodo dell'intensa relazione “a distanza” con il medico e poeta Tarantino Michele Pierri, dal 1981 al 1984, e agli anni del matrimonio, che va dal 1984 al 1987: in realtà Pierri morirà nel gennaio 1988, ma Alda da qualche mese è tornata a Milano, poiché l'anziano marito, malato terminale, era immobilizzato a letto, bisognoso di assistenza costante, e quindi impossibilitato a occuparsi di lei.
Trevisani, che si è già occupato degli anni tarantini di Alda Merini nel volume “Michele Pierri e Alda Merini cronaca di un amore sconosciuto”, per Edit@, e nell'introduzione al volume di inediti: “Furibonda cresce la notte” per Manni Editore, torna a occuparsene in questa nuova operazione editoriale, allargando l'orizzonte per provocare un incontro tra Alda e la poesia pugliese.
Il programma dell'incontro prevede l'intervento del curatore, Silvano Trevisani, del saggista Giuseppe Pierri figlio di Michele, e il collegamento Skype con Emanuela Carniti, modera e declama alcune poesie l'attrice Francesca Passantino. All'incontro hanno preannunciato la loro presenza molti dei poeti che hanno collaborato all'antologia.

 

Published in Cultura

47 ROTTE (10 NUOVE), QUASI 4M DI CLIENTI, 11% DI CRESCITA IN PUGLIA PER L’ANNO FISCALE 19/20

Ryanair, la compagnia n.1 in Italia e in Europa, ha annunciato oggi (28 Maggio) l’operativo per l’anno fiscale 2019/2020, con 47 rotte inclusa la novità assoluta di Bari-Cuneo, che sarà operata tre volte a settimana a partire da Ottobre 2019. L’operativo 2019/2020 di Ryanair in Puglia contribuirà al trasporto di quasi 4 milioni di clienti l’anno da e per gli aeroporti di Bari e Brindisi

 L’operativo Ryanair 2019/2020 per la Puglia comprenderà:

A Bari: 30 rotte in totale o incluse 5 nuove rotte estive da/per Bordeaux, Budapest, Cracovia, Malpensa e Praga o incluse 6 nuove rotte invernali da/per Bordeaux, Budapest, Cracovia, Cuneo, Malpensa e Praga  2.45 milioni di passeggeri all'anno (+7%)  1.830* posti di lavoro all'anno in loco

A Brindisi: 17 rotte in totale o incluse 3 nuove rotte estive da/per Berlino Tegel, Memmingen e Malpensa o incluse 4 nuove rotte invernali da/per: Berlino Tegel, Katowice, Malpensa e Parigi Beauvais  1.46 milioni di passeggeri all'anno (+14%)  1,090* posti di lavoro all'anno in loco

Per Tiziano Onesti, Presidente di Aeroporti di Puglia “l’apporto delle low cost è determinante per lo sviluppo del traffico in Puglia e per l’affermazione della Puglia quale brand internazionale. Complessivamente Ryanair, che ad oggi garantisce tra Bari e Brindisi 19 rotte nazionali e 28 internazionali, incide per il 46% sul totale del traffico passeggeri. La finalizzazione dell’accordo con il vettore rientra tra le strategie della società per favorire ancor di più lo sviluppo del traffico internazionale che, pur in un nuovo scenario di riduzione della contribuzione della Regione, rappresenta uno dei principali obiettivi dei futuri programmi societari. Nel prossimo quinquennio, infatti, Aeroporti di Puglia punta a far crescere l’incidenza della componente internazionale del traffico garantita dalla compagnia dal 30% al 54%, in linea, oltre che con il documento di programmazione strategica della società, anche con il Piano “Puglia 365” di Pugliapromozione che prevede lo sviluppo dell’incoming internazionale e il miglioramento dell’accessibilità al territorio”.

David O’Brien di Ryanair ha dichiarato:

“Ryanair, la compagnia aerea più ecologica d'Europa, è orgogliosa di offrire ai visitatori europei in Puglia voli diretti internazionali sulla nostra flotta moderna ed efficiente in termini di consumo di carburante. I visitatori europei sensibili al fattore tempo e attenti all'ambiente evitano di prendere due voli con scalo in un hub per raggiungere le regioni italiane. Ryanair offre ora voli diretti da 47 città in 12 Paesi verso la Puglia e contribuirà al trasporto di quasi 4 milioni di clienti nel prossimo anno presso gli aeroporti di Bari e Brindisi, supportando circa 3.000 posti di lavoro in loco e il turismo tutto l'anno.

Per festeggiare la nuova rotta Bari-Cuneo, abbiamo lanciato un’offerta speciale con prezzi a partire da 19.99 Euro per viaggiare durante il mese di giugno, valida per prenotazioni entro la mezzanotte di Giovedì (30 Maggio). Poiché queste incredibili tariffe si esauriranno rapidamente, invitiamo i clienti a collegarsi al sito www.ryanair.com per non perdere l’occasione”.

 

Foto copertina (credit Ufficio stampa AdP): Da sx : Tiziano Onesti Presidente Aeroporti di Puglia; Giovanni Giannini, Assessore Trasporti Regione Puglia, Michele Emiliano Presidente Regione Puglia; David O’ Brien Chief Commercial Officer Ryanair; Loredana Capone Assessore Turismo Regione Puglia

Published in Cronaca

Grande successo per la vendita degli abbonamenti

Un incredibile successo per la campagna abbonamenti del "Taranto Opera Festival": sono stati superati, infatti, i 600 abbonamenti solo nel primo mese di promozione. C'è ancora tempo, intanto, per riservarsi un posto a sedere per l'intero cartellone lirico nella Villa Peripato di Taranto.
La rassegna "Taranto Opera Festival" è promossa e organizzata dal Comune di Taranto e dall'associazione musicale Domenico Savino di Taranto. "Proprio in virtù di questa collaborazione ed in particolare grazie al sostegno del Comune di Taranto, è stato possibile lanciare l'offerta sull'intero cartellone dei tre spettacoli", dichiarano i referenti dell'associazione musicale.
Il costo contenuto, 35 euro per tre appuntamenti nei mesi di giugno, luglio e agosto, con artisti di fama internazionale, è stato apprezzato dai cultori del melodramma e dagli appassionati del genere; ma è anche servito ad avvicinare tanti cittadini che, proprio grazie a questa occasione data dall’amministrazione comunale, potranno assistere a tre grandi spettacoli di musica lirica per la prima volta a Taranto.
“I numeri, ancora una volta, ci stanno dando ragione - ha dichiarato l’assessore alla cultura Fabiano Marti -, andando oltre ogni più rosea aspettativa. Questo dimostra che la linea dell’amministrazione Melucci è quella giusta. Non era mai stata organizzata a Taranto una rassegna di lirica di questa portata e la risposta della città manifesta che, in fondo, è sufficiente fare cose di qualità per ottenere risultati importanti”.
Il Taranto Opera Festival si compone di tre appuntamenti che si svolgeranno nei mesi estivi nell'arena della Villa Peripato di Taranto. Alla presentazione sono intervenuti l'assessore alla cultura del Comune di Taranto Fabiano Marti, il direttore artistico del cartellone, il maestro Davide Dellisanti, i maestri Pierpaolo de Padova e Paolo Cuccaro, che guidano l'associazione musicale Domenico Savino. La rassegna è sostenuta dalla Banca di Taranto, rappresentata nell'incontro dal presidente Lelio Miro.
Si inizia venerdì 28 giugno, con "La Traviata" di Giuseppe Verdi, regia di Ines Salazar, direttore Davide Dellisanti, coro ed orchestra TarantOperaFestival; il secondo spettacolo sarà portato in scena sabato 13 luglio e vedrà la partecipazione dell'ospite d'onore, "madrina" della manifestazione Katia Ricciarelli, in un "Gran galà lirico"; sabato 3 agosto, infine, si chiude con "Elisir d'Amore", regia di Giovanna Nocetti, direttore Davide Dellisanti, coproduzione Opera Fuerteventura, coro ed orchestra TaranOperaFestival. Tutti gli spettacoli si svolgeranno nell'arena della Villa Peripato, a Taranto, con inizio alle ore 21.
Il direttore artistico Davide Dellisanti ha lavorato con i più grandi cantanti lirici, a livello internazionale. E' stato premiato nel 2018 con la medaglia d'oro Maison des artistes all'Università La Sapienza di Roma, insieme al maestro Ennio Morricone. E' stato direttore artistico di importanti festival lirici, come il Taormina Opera Stars.

I referenti dell'associazione musicale Domenico Savino, i maestri Pierpaolo de Padova e Paolo Cuccaro, spiegano che "l'obiettivo è riavvicinare il pubblico tarantino all'opera lirica", poiché è "da trent'anni che non si promuovono grandi opere liriche a Taranto", nonostante la città "abbia grandi potenzialità e una storia di grandissimi nomi in campo lirico, di rilievo internazionale. Grazie alla sensibilità dell'amministrazione comunale stiamo realizzando un sogno, promuovendo, al contempo, la formazione musicale, perché gli artisti terranno, nei giorni vicini alle esibizioni, delle masterclass e dei corsi".
Inoltre, "abbiamo deciso di puntare sulla vendita degli abbonamenti, perché fidelizzano il pubblico nel tempo - ha spiegato Pierpaolo de Padova per l'associazione Domenico Savino -. L'abbonamento per tutti e tre gli spettacoli costa, in tutto, 35 euro. I singoli spettacoli, invece, costeranno 15 euro ad evento per i ragazzi fino ai 25 anni di età e 25 euro per gli adulti. E' ancora possibile contattarci per i biglietti e per i posti a sedere".
Per informazioni sui biglietti si può consultare il sito www.tarantoperafestival.it e la relativa pagina Facebook, oppure contattare l'associazione musicale Domenico Savino, via Cavour 24, Taranto, tel. 3392360993; 3477242217; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; Punto vendita abbonamenti: Francesco Basile strumenti musicali- via Matteotti 14, Taranto.

Published in Spettacolo

Molfetta - Si terrà domenica 9 giugno, dalle ore 17  nella villetta di via Preti nel Centro storico di Molfetta  “Libri sospesi nel Centro Antico”, un evento giunto alla sua seconda edizione organizzato dall’associazione culturale  Artemia con il patrocinio del Comune di Molfetta e il supporto di Menorquinas e Allianz mancini Group.
L’evento vuole essere un momento per avvicinare i grandi e i piccini alla lettura riportando le famiglie ad  un contatto diretto con la natura. Dopo la prima edizione sperimentale che è stata realizzata nell’atrio del Liceo Classico l’edizione 2019 di Libri Sospesi si terrà  all’interno di uno spazio pubblico, un modo per dare consapevolezza della bellezza degli spazi verdi urbani, educare al rispetto della natura e delle cose pubbliche attraverso il Libro come denominatore comune.
Per un pomeriggio il parco si trasformerà in un villaggio della lettura dove sarà possibile assistere a letture animate con  Giulia Petruzzella  che coinvolgerà i bambini con le sue filastrocche e le sue storie.   Il primo appuntamento si terrà  alle ore 17.30  con “ Prime Rime. Filastrocche per crescere” alle ore 18.30 si terrà il secondo momento con “Rime per le mani”  alle ore 19.30  invece si racconterà la storia di “Versi perversi”.
Non mancheranno le attività pratiche che vedranno i bambini prendere consapevolezza del corpo attraverso la musica e la lettura con i  Laboratori “Leggo e Creo” realizzati da  Teresa Tatoli per bambini dai 3 agli 8 anni,  si comincia alle ore  17.30 con “Chi c’è sotto il cappello”, alle ore  18.30 seguirà il secondo laboratorio “Con le orecchie di Lupo”, l’ultimo laboratorio si terra alle ore  19.30 “A caccia dell’Orso”.  I laboratori sono gratuiti previa prenotazione al seguente indirizzo email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .
 
Mentre i bambini sono impegnati  nelle letture e nei laboratori i genitori potranno godere di una lettura gratuita tra le panchine del parco, potranno  assistere alle presentazioni di esperti che si terranno nel  Palazzo Turtur,  sarà un momento di confronto tra mamme, papà nonni e appassionati del tema, alle ore 18.00 – Maria Pia de Bari Fisioterapista e osteopata presenta il suo ultimo libro dal titolo  “Il neonato sensazionale”  alle ore 19  Stefania Giammarino Biologa nutrizionista e Fedora Nettis educatrice e consulenti  della Cooperativa Sociale  Anthropos di Giovinazzo  presentano “Cibiamoci. Ricette per bambini scritte da bambini, suggerimenti per genitori consapevoli”, sarà possibile confrontarsi sul rapporto bambini e cibo a tavola, la sessione di esperti e genitori a confronto si conclude con la presentazione alle ore 20 di  Pierangela Rana, pediatra che illustrerà la sua ultima pubblicazione dal titolo  “Come fare il pediatra di famiglia ed essere felice” con consigli sulla salute dei piccoli.
Per l’occasione sarà allestito un  percorso editoriale con pubblicazioni per bambini e famiglie, le presentazioni si chiuderanno con un momento firma copie da parte degli autori.
Nel parco sarà possibile dare sfogo alla fantasia e i bambini potranno divertirsi a disegnare sul “muro della fantasia”, basterà portare un kit di colori, ad ogni partecipante sarà consegnato un cartoncino con un tema, i bambini potranno disegnare e pubblicare la foto del loro disegno sulla pagina Facebook di Artemia, il disegno che avrà ottenuto più like entro il 30 giugno 2019 gli sarà donata una piccola collana di libri per bambini .
A tutti i Bambini che entreranno nel parco sarà consegnato un braccialetto che dovrà essere indossato dai piccoli che sara identificativo del recapito di uno degli adulti accompagnatori e tutte le attività vedranno la collaborazione degli studenti del  circolo dei lettori del Istituto G. Ferraris di Molfetta. Per informazioni e prenotazioni http://associazioneartemia.blogspot.it  - e.mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – tel. 349.5283664 -320.0261528

Published in Cultura

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk