La Relazione Tecnica sulle condizioni della mensa, consegnata alla Cisl Fp, non lascia dubbi interpretativi sul servizio di somministrazione dei pasti assicurato ai dipendenti dell’Arsenale di Taranto.

E’ stata, infatti, la stessa Direzione Arsenale ad elencare le criticità in particolare:

- Mancanza di risorse per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle apparecchiature della cucina;

- Mancanza di risorse per la manutenzione straordinaria dei locali cucina e refettorio;

- Personale non sufficiente;

La reazione dei vertici militari sovraordinati all’Arsenale, alla lettura della Relazione Tecnica si è concretizzata nell’invito a ricercare fonti di finanziamento alternativo per consentire le manutenzioni, oltre che ricorrere a personale tecnico di altri enti. Entrambe le ipotesi appaiono però irreali nel contenuto e indefiniti nella tempistica, se confrontati con la stringente emergenza della salute dei lavoratori.

La Cisl Fp ha condiviso sin dal principio il percorso intrapreso dalla Direzione Arsenale che ha preso atto di una condizione di oggettiva impossibilità ad assicurare la somministrazione dei pasti osservando la normativa HCCP, ed ha proposto di ricorrere ai buoni pasto, più convenienti sotto il profilo economico e maggiormente funzionali all’attività lavorativa dello stabilimento.

La Cisl Fp rammenta che due mesi fa circa 1.200 dipendenti (su circa 1300) si sono già espressi dichiarandosi favorevoli al buono pasto, ancor prima che fosse diffusa la relazione tecnica dell’amministrazione.

Ma ora è evidente che, non risultando garantite le condizioni igieniche e di salubrità nella somministrazione dei pasti, ed essendo in gioco la salute dei dipendenti, è necessario assumere l’iniziativa immediata di attribuzione dei buoni pasto, riservando il servizio mensa ad numero limitato e volontario di dipendenti a cui garantire il pasto senza rischi.

Sarà dovere della Cisl Fp concorrere in ogni sede alla tutela della salute del personale.

Segreteria Territoriale CISL FP Taranto - Massimo Ferri

L’evento presso l’Arsenale di Taranto, nell’ambito di un convegno sulla Grande Guerra e della presentazione del progetto “Sauro 100”.

Giovedì 15 febbraio 2018, alle ore 09.00 presso la “Ex Sala a Tracciare” dell’Arsenale Militare Marittimo di Taranto, il “Comitato per la Qualità della Vita”, presieduto dal Prof. Carmine Carlucci, consegnerà il premio Qualità della Vita 2017, giunto alla sua 33^ Edizione, alla Brigata Marina San Marco della Marina Militare.

Il premio verrà consegnato alla Brigata Marina San Marco per “Le attività operative ed umanitarie svolte nei cento anni della sua istituzione”.
La cerimonia vedrà la partecipazione delle rappresentanze di numerosi Istituti scolastici di Taranto, di autorità civili, militari, tra cui l’Ammiraglio Comandante Marittimo Sud, ammiraglio di divisione Salvatore Vitiello.
Tra gli ospiti di eccezione il contrammiraglio (in congedo) Romano Sauro, nipote di Nazario Sauro, medaglia d’oro al valor militare della prima guerra mondiale, che illustrerà ai presenti il progetto “Sauro 100” che lo vede impegnato in un giro lungo le coste italiane con la sua imbarcazione a vela per promuovere le iniziative legate all’eroe della Grande Guerra sul mare.
Alla Cerimonia seguirà un Convegno di studi sulla Grande Guerra, dal titolo “Le gesta dei MAS e dei Fanti di Marina” volto a mantenere vivo il ricordo dell’importanza ricoperta dalla Regia Marina durante il primo conflitto mondiale.
Tra i relatori, moderati dalla giornalista, Maristella Massari, il Comandante della Brigata Marina San Marco, contrammiraglio Cesare Bruno Petragnani, l’ammiraglio (in congedo) Claudio Confessore, il capitano di vascello (in congedo) Fabrizio Maltinti e il prof. Antonio Fornaro del comitato Qualità della Vita.

Si comprendono i timori espressi dalle Federazioni sindacali del terzo settore,
preoccupati della possibile contrazione di posti di lavoro con l’introduzione del
buono pasto ai dipendenti dell’Arsenale. Si comprendono ma, fortunatamente,
non trovano riscontro e non solo perché le ore che il personale della ditta
dedica alle attività correlate alla mensa sono minimali rispetto a quelle
che dedica ad altre attività all’interno del comprensorio arsenalizio.
Il vertice aziendale dello stabilimento ha garantito, infatti, che il passaggio dalla
preparazione in proprio del pranzo al buono pasto non condizionerà l’organico
attualmente in forza alla struttura. Sia esso diretto che indiretto. Anche perché
la proposta dell’amministrazione ipotizza il ricorso al semi catering,
attività al momento non presente, e con la previsione di un numero di
ore che consentirà di mantenere inalterati o addirittura di
incrementare gli attuali livelli occupazionali. Quindi, nessun allarme. Certo,
ad ognuno viene il timore di fare scelte sbagliate. La Cisl Fp aziendale , però,
accompagna continuamente le sue azioni col dialogo e il confronto, offrendo
idee e progetti per rispondere alle esigenze dell’amministrazione e dei
lavoratori, pubblici e privati. Pertanto, si conferma l’autonomia decisionale della
Segreteria Aziendale della Cisl Fp che non ha incertezze nell’indicare la
soluzione buoni pasto per coloro che lo vorranno, lasciando per gli altri
dipendenti la possibilità di fruire del pasto caldo.

Segreteria Aziendale CISL FP Arsenale M.M. - Arcangelo Durante

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk